Eco di Biella http://ecodibiella.it Tue, 22 May 2018 16:00:59 +0000 it-IT hourly 1 https://wordpress.org/?v=4.9.6 Roland Garros, Napolitano inizia battendo Granollers http://ecodibiella.it/sport/roland-garros-napolitano-inizia-battendo-granollers/ http://ecodibiella.it/sport/roland-garros-napolitano-inizia-battendo-granollers/#respond Tue, 22 May 2018 12:33:38 +0000 http://ecodibiella.it/?p=58702 Stefano Napolitano conferma l’ottimo feeling con la terra rossa di Parigi e vince il primo turno di qualificazione per il main draw del Roland Garros, primo Grande Slam stagionale. Il 23enne biellese ha battuto in due set (6/4; 6/1) Marcel Granollers, tds numero 23 del seeding e numero 135 del ranking Atp. Roland Garros, Napolitano […]

Continua la lettura di Roland Garros, Napolitano inizia battendo Granollers su Eco di Biella.

]]>
Stefano Napolitano conferma l’ottimo feeling con la terra rossa di Parigi e vince il primo turno di qualificazione per il main draw del Roland Garros, primo Grande Slam stagionale. Il 23enne biellese ha battuto in due set (6/4; 6/1) Marcel Granollers, tds numero 23 del seeding e numero 135 del ranking Atp.

Roland Garros, Napolitano inizia battendo Granollers

Il match. Sulla carta il favorito è lo spagnolo, ex numero 19 al mondo nel luglio 2012, che ha cominciato i primi mesi del 2018 con ottimi risultati (vincendo due Challengers a Bangkok). Granollers inizia il match con il piede sull’acceleratore: strappa la battuta a Napolitano nel primo gioco e nel secondo salva quattro palle break portandosi sul 2-0. Il 23enne biellese, pur non essendo efficace nei punti decisivi, dimostra comunque di poter controllare l’avversario: i tre game successivi lo confermano. Napolitano strappa la battuta all’avversario e si porta sul 4-2. Il break di Granollers accorcia il gap ma nell’ottavo game, il tennista biellese chiude dopo quattro palle set la prima frazione. Allo scoccare dell’ora di gioco, Napolitano torna in campo con più fiducia e dopo 6’ è già avanti 2-0. Nella pausa dopo il terzo gioco, Granollers chiede l’intervento del medico per problemi fisici ma sembra rientrare in campo con il piglio giusto annullando due break point all’avversario e portandosi sul 3-1. Per Granollers però è solo un’illusione: Napolitano accelera e porta a casa il match, dopo 1 ora e 30 di gioco.

Obiettivo vincere ancora due sfide

Main draw. Per il tennista del circolo “I Faggi”, questa vittoria è ossigeno puro in un periodo complicato, in cui il cambio di allenatore (Napolitano è a Parigi con il nuovo coach Colangelo) ha influito sulla serenità del giocatore. Per agguantare un posto nel main draw, Napolitano dovrà vincere ancora due sfide. La prima, presumibilmente mercoledì, sarà contro Zdenek Kolar (21 anni, numero 230 Atp) oggi vittorioso su Liam Broady per (7/6(8);7/6(7).

Luca Rondi

Continua la lettura di Roland Garros, Napolitano inizia battendo Granollers su Eco di Biella.

]]>
http://ecodibiella.it/sport/roland-garros-napolitano-inizia-battendo-granollers/feed/ 0
Addio a mamma di 42 anni http://ecodibiella.it/attualita/addio-a-mamma-di-36-anni/ http://ecodibiella.it/attualita/addio-a-mamma-di-36-anni/#respond Tue, 22 May 2018 08:50:27 +0000 http://ecodibiella.it/?p=58692 Profondo cordoglio sta suscitando a Vigliano Biellese, e non solo, la morte di Roberta Veronese. Addio a mamma di 42 anni La ragazza 42enne, ne avrebbe compiuti 43 il 27 maggio, si è spenta nella notte dopo aver lottato contro un male incurabile. Madre di due bambini e moglie esemplare, sempre allegra, era molto conosciuta […]

Continua la lettura di Addio a mamma di 42 anni su Eco di Biella.

]]>
Profondo cordoglio sta suscitando a Vigliano Biellese, e non solo, la morte di Roberta Veronese.

Addio a mamma di 42 anni

La ragazza 42enne, ne avrebbe compiuti 43 il 27 maggio, si è spenta nella notte dopo aver lottato contro un male incurabile.

Madre di due bambini e moglie esemplare, sempre allegra, era molto conosciuta anche per il suo apprezzato lavoro di cameriera all’Australian Pub di Vigliano svolto fino a qualche anno addietro.

Amante degli animali

Era anche un’amante degli animali che negli utlimi anni erano anche diventati un lavoro e che fino in fondo sono stati un ulteriore sostegno nel difficile periodo di malattia.

Molti i messaggi commossi di cordoglio che da stamane popolano la sua bacheca del profilo Facebook, dal quale è tratta la foto.

Continua la lettura di Addio a mamma di 42 anni su Eco di Biella.

]]>
http://ecodibiella.it/attualita/addio-a-mamma-di-36-anni/feed/ 0
Con “Informati e Premiati” vinci fantastici premi! http://ecodibiella.it/attualita/con-informati-e-premiati-vinci-fantastici-premi/ http://ecodibiella.it/attualita/con-informati-e-premiati-vinci-fantastici-premi/#respond Fri, 18 May 2018 07:32:14 +0000 http://ecodibiella.it/?p=57854 Al via la nuova iniziativa del nostro giornale “Informati e Premiati”: non perdere questa occasione! Grazie alla raccolta punti tutti possono ricevere bellissimi regali: è il nostro modo per ringraziare e premiare i lettori più fedeli. “Informati e Premiati” … si vince! Cari lettori, ogni settimana il nostro impegno è rivolto a informarvi al meglio su […]

Continua la lettura di Con “Informati e Premiati” vinci fantastici premi! su Eco di Biella.

]]>
Al via la nuova iniziativa del nostro giornale “Informati e Premiati”: non perdere questa occasione! Grazie alla raccolta punti tutti possono ricevere bellissimi regali: è il nostro modo per ringraziare e premiare i lettori più fedeli.

“Informati e Premiati” … si vince!

Cari lettori, ogni settimana il nostro impegno è rivolto a informarvi al meglio su quello che accade sul nostro territorio. E vi siamo grati per la fiducia che ci accordate e per l’affezione che ci dimostrate. Abbiamo quindi deciso di trovare un modo per ringraziarvi concretamente: con “Informati e Premiati”, infatti, vi vogliamo premiare perché ci leggete. E non dovrete fare altro.

Dal 14 maggio la raccolta punti

Prenderà il via dal 14 maggio la raccolta punti che vi permetterà di ricevere bellissimi regali. Non dovrete fare altro che ritagliare i bollini che troverete sul giornale, incollarli sull’apposita scheda e una volta raggiunta la soglia per il regalo desiderato spedire la cartolina. E… il gioco è fatto!

Partecipare è davvero facile

Settimana prossima troverete allegata a Eco di Biella la scheda per raccogliere i punti. I bollini verranno pubblicati ogni settimana a partire dal 14 maggio fino al 29 settembre 2018.

Questi andranno ritagliati e incollati nell’apposito spazio presente sulla cartolina. Quando avrete raggiunto il numero necessario di bollini per richiedere il premio desiderato, basterà compilare la cartolina con i dati richiesti e spedirla in busta chiusa all’indirizzo indicato entro il 6 ottobre.  In breve tempo verrete contattati per avere tutte le indicazioni utili per ricevere il vostro meritato premio. Ricordiamo che con ogni cartolina si può richiedere solo un regalo tra quelli proposti.

E i premi sono bellissimi

Siamo certi che i premi potranno soddisfare tutti i gusti e tutta la famiglia. E basta davvero poco: 5, 10 o 15 punti. E ogni punto lo trovate su una copia del giornale.

Con “Informati e Premiati” vinci fantastici premi!

Con 5 bollini si potrà ricevere un trattamento benessere gratuito (pedicure, manicure, massaggi o pressoterapia, grotte di sale…) o una degustazione per 2 di prodotti tipici (taglieri di salumi, formaggi o vini Doc).

Con 10 bollini, invece, si avrà diritto a un abbonamento valido un mese per la visione di film on demand sulla piattaforma dedicata di MyMovies o un ingresso gratuito, se accompagnati da una persona pagante, presso un parco divertimento, acquatico o naturalistico.

Con 15 bollini, infine, si vincerà un check-up gratuito della propria auto presso uno specialista o una cena gratuita per 2 persone.

Tutti i servizi verranno offerti attraverso le strutture aderenti alla nostra iniziativa.

CARTOLINA SU www.informatiepremiati.it

BOLLINO OGNI GIOVEDI CON ECO

 

Continua la lettura di Con “Informati e Premiati” vinci fantastici premi! su Eco di Biella.

]]>
http://ecodibiella.it/attualita/con-informati-e-premiati-vinci-fantastici-premi/feed/ 0
Ponte tangenziale, ecco i cancelli anti suicidi http://ecodibiella.it/attualita/ponte-tangenziale-ecco-i-cancelli-anti-suicidi/ http://ecodibiella.it/attualita/ponte-tangenziale-ecco-i-cancelli-anti-suicidi/#respond Tue, 22 May 2018 08:08:59 +0000 http://ecodibiella.it/?p=58690 Ponte tangenziale, ecco i cancelli antisuicidi. Verranno piazzati in questi giorni, insieme ai cartelli per vietare l’accesso ai pedoni. Ponte tangenziale, le decisioni della Provincia Niente barriere, ma un primo importante provvedimento legato al ponte della tangenziale, che negli ultimi anni è balzato tristemente agli onori della cronaca a causa dei tanti suicidi. Ora l’amministrazione […]

Continua la lettura di Ponte tangenziale, ecco i cancelli anti suicidi su Eco di Biella.

]]>
Ponte tangenziale, ecco i cancelli antisuicidi. Verranno piazzati in questi giorni, insieme ai cartelli per vietare l’accesso ai pedoni.

Ponte tangenziale, le decisioni della Provincia

Niente barriere, ma un primo importante provvedimento legato al ponte della tangenziale, che negli ultimi anni è balzato tristemente agli onori della cronaca a causa dei tanti suicidi. Ora l’amministrazione provinciale passa dalle parole ai fatti e interviene. E’ infatti di questi giorni la determina che impegna i fondi necessari per l’affidamento di fornitura e posa di cancelli e segnaletica verticale sul ponte. Una spesa tutto sommato contenuta, per un provvedimento che andrà a impedire ai pedoni di transitare lungo il ponte sul torrente Cervo. E’ dunque questa la strategia dell’amministrazione provinciale per scoraggiare i suicidi.

La determina provinciale

Nella determina, che impegna la somma di 3.867, 40 euro, si legge: «L’amministrazione provinciale di Biella intende affrontare la problematica che interessa il ponte sul torrente cervo, posto lungo la strada provinciale 142/A al chilometro uno, nel Comune di Biella, teatro da tempo di tragici eventi rappresentati dall’utilizzo dello stesso come luogo di suicidio. A tale scopo il presidente della Provincia, ha dato indirizzo e mandato all’ufficio tecnico provinciale di predisporre l’interdizione del viadotto al passaggio pedonale. Risulta pertanto necessario dare attuazione a quanto disposto provvedendo all’affidamento della fornitura e posa in opera di adeguati cancelli e della segnaletica stradale prevista dal Codice della Strada».

Affidamento diretto dei lavori

Visto l’importo, che risulta di molto inferiore ai 40mila euro, la Provincia ha potuto dunque affidare direttamente l’incarico individuando nell’impresa Scarlatta Umberto di Vigliano Biellese il soggetto che dovrà occuparsi della posa sui quattro ingressi al ponte della tangenziale e della posa della segnaletica apposita.
Grazie a questo atto, nei prossimi giorni potranno già partire gli interventi, con il ponte che non sarà dunque più transitabile a piedi.

Dopo le discussioni ecco i fatti

Dopo le tante parole spese legate soprattutto all’ipotesi di installare delle barriere anti suicidio sul ponte della tangenziale, si è optato per la soluzione più economica. Proprio nei mesi scorsi, la discussione era approdata a Biella, in consiglio comunale, per ribadire la necessità di dotare il viadotto di barriere. Una ipotesi decisamente più costosa e, forse, impraticabile a causa del peso che si sarebbe scaricato sul ponte stesso. La Provincia aveva lanciato dunque l’ipotesi di vietare il passaggio ai pedoni e a distanza di poco tempo ecco il provvedimento. Per scoraggiare eventuali altri suicidi.

 

Continua la lettura di Ponte tangenziale, ecco i cancelli anti suicidi su Eco di Biella.

]]>
http://ecodibiella.it/attualita/ponte-tangenziale-ecco-i-cancelli-anti-suicidi/feed/ 0
Il presidente lombardo Attilio Fontana visita Netweek http://ecodibiella.it/attualita/il-presidente-lombardo-attilio-fontana-visita-netweek/ http://ecodibiella.it/attualita/il-presidente-lombardo-attilio-fontana-visita-netweek/#respond Tue, 22 May 2018 16:00:59 +0000 http://ecodibiella.it/?p=58706 Il presidente di Regione Lombardia, Attilio Fontana, martedì 22 maggio è stato ospite della sede di Netweek a Merate (Lc). Il presidente lombardo Attilio Fontana visita Netweek Il governatore lombardo ha visitato gli uffici del primo circuito di media locali a livello nazionale, tra i quali anche Eco di Biella, presente con 31 settimanali cartacei e […]

Continua la lettura di Il presidente lombardo Attilio Fontana visita Netweek su Eco di Biella.

]]>
Il presidente di Regione Lombardia, Attilio Fontana, martedì 22 maggio è stato ospite della sede di Netweek a Merate (Lc).

Il presidente lombardo Attilio Fontana visita Netweek

Il governatore lombardo ha visitato gli uffici del primo circuito di media locali a livello nazionale, tra i quali anche Eco di Biella, presente con 31 settimanali cartacei e 13 quotidiani online nella sola Lombardia, e ha partecipato ad un forum interno con i giornalisti del gruppo editoriale.

«Anche il suo predecessore, Roberto Maroni, e una serie di assessori regionali hanno fatto visita negli anni scorsi alla sede di Netweek – ha ricordato l’amministratore delegato Alessio Laurenzano – segno dell’attenzione delle istituzioni verso i nostri canali di comunicazione. E’ comunque nella nostra mission quella di essere un “ponte” tra i nostri lettori e gli Enti locali in modo che i cittadini possano essere aggiornati sulle iniziative delle amministrazioni e, a loro volta, i rappresentanti delle istituzioni possano conoscere quali sono le istanze dei cittadini».

Incontro con gli imprenditori

Dopo il forum, il presidente ha incontrato al ristorante Cascina La Salette di Verderio un gruppo di imprenditori e manager del territorio invitati dal gruppo Netweek coi quali si è confrontato su diversi temi politico-economici.

Tanti i temi affrontati nell’incontro con i giornalisti di Netweek, in qualche modo legati anche alle regioni limitrofe alla Lombardia. Primo fra tutti quello sulla qualità dell’aria che interessa tutto il territorio il Nord del Paese. «Da quando le Regioni dell’area padana si sono riunite in Comitato per alcune azioni comuni i miglioramenti si sono visti – ha dichiarato Fontana – Certo dobbiamo lavorare insieme in varie direzioni: bisogna puntare a mezzi di trasporto meno inquinanti incentivando l’utilizzo di mezzi elettrici, migliorare gli impianti di riscaldamento passando dal gasolio al metano, magari sviluppando il teleriscaldamento anche se ancora un po’ costoso, e dobbiamo eliminare le centrali a carbone».

Obiettivo Macroregione Alpina

Parlando, poi, dei rapporti con l’Europa, il governatore lombardo ha insistito sulla necessità di portare avanti il progetto della Macroregione alpina che vede coinvolte, oltre alla Lombardia, anche Liguria, Friuli Venezia Giulia, Veneto, Provincia Autonoma di Bolzano, Provincia Autonoma di Trento, Valle d’Aosta e Piemonte. «E’ un progetto su cui dobbiamo insistere – ha sostenuto Fontana – Ci sono situazioni che vedono coinvolti i nostri territori a cavallo delle Alpi e che dobbiamo far presenti a Bruxelles perché altrimenti non verranno prese in considerazione».

 

Continua la lettura di Il presidente lombardo Attilio Fontana visita Netweek su Eco di Biella.

]]>
http://ecodibiella.it/attualita/il-presidente-lombardo-attilio-fontana-visita-netweek/feed/ 0
Servizi comunali: tariffe in salita in tutta Italia, ma a Biella scendono http://ecodibiella.it/attualita/servizi-comunali-tariffe-in-salita/ http://ecodibiella.it/attualita/servizi-comunali-tariffe-in-salita/#respond Mon, 21 May 2018 14:40:55 +0000 http://ecodibiella.it/?p=58684 Servizi comunali: tariffe in salita in tutta Italia, ma a Biella scendono. Servizi comunali Biella è in controtendenza rispetto alla media dei Comuni italiani per quanto riguarda le tariffe dei servizi: mentre uno studio della Cgia di Mestre “accusa” i municipi di aver sopperito con rincari a trasporti, mense e asili nido ai tagli alle […]

Continua la lettura di Servizi comunali: tariffe in salita in tutta Italia, ma a Biella scendono su Eco di Biella.

]]>
Servizi comunali: tariffe in salita in tutta Italia, ma a Biella scendono.

Servizi comunali

Biella è in controtendenza rispetto alla media dei Comuni italiani per quanto riguarda le tariffe dei servizi: mentre uno studio della Cgia di Mestre “accusa” i municipi di aver sopperito con rincari a trasporti, mense e asili nido ai tagli alle risorse imposti dai governi, in città le stesse tariffe, nel periodo considerato dallo studio, sono calate o sono rimaste invariate.

I dati

L’associazione degli artigiani e piccole imprese della città veneta, non nuova ad analisi su parametri economici non solo delle amministrazioni pubbliche, ha preso in considerazione quello che è accaduto nei Comuni italiani tra il 2015 e i primi quattro mesi del 2018, ovvero da quando un provvedimento del governo ha imposto il blocco agli aumenti delle imposte locali. «Molti amministratori» ha osservato il coordinatore del centro studi della Cgia Paolo Zabeo «hanno continuato ad alimentare le proprie entrate agendo sulla leva tariffaria, incrementando le bollette della raccolta dei rifiuti, dell’acqua, le rette degli asili, delle mense e i biglietti del bus». Il rincaro medio in Italia è stato del 5,6%, tre volte tanto il tasso di inflazione. A Biella, al contrario, il saldo è negativo, perché nello stesso periodo le tariffe sono rimaste stabili o sono addirittura
calate. È il caso delle rette degli asili nido e delle mense scolastiche che, proprio a partire dal 2015, hanno subito un ritocco verso il basso rispettivamente di 20 euro mensili e di 0,50 euro a pasto. E così, se la media italiana per le mense parla di un rincaro del 4,5%, a Biella i ribassi passano dal -8,5% al -48%, più alti per le famiglie meno abbienti, senza contare l’introduzione della gratuità per la fascia di reddito più bassa. Lo stesso vale per gli asili: +5,1% in Italia, da -4,8% a -25,3% a Biella, anche in questo caso con sconti in proporzione più alti per chi ha redditi più bassi. Il -9,1% della tariffa rifiuti (a fronte di un +1,7% in Italia) è calcolato sulla spesa totale per lo smaltimento in città, in costante calo proprio dal 2015, sul cui ammontare si calcola il dovuto a carico dei cittadini. Il -2% delle tariffe per l’acqua potabile è frutto delle nuove politiche del Cordar, che ha deciso di investire su risparmi per i cittadini parte
dei ricavi.

I biglietti urbani

Lo zero nel costo dei biglietti del bus urbano, fermo a 1,20 euro per 60 minuti di corsa, è destinato a un segno meno virtuale quando entrerà in funzione la funicolare, che diventa gratuita e non più a pagamento. E non ci sono state variazioni nemmeno in quelle piccole tariffe che il Comune richiede per il rilascio di certificati, l’apertura di pratiche e l’ottenimento di documenti,
quelle che nel resto dell’Italia sono a +88%.

R.E.B.

Continua la lettura di Servizi comunali: tariffe in salita in tutta Italia, ma a Biella scendono su Eco di Biella.

]]>
http://ecodibiella.it/attualita/servizi-comunali-tariffe-in-salita/feed/ 0
Aggredisce conducente di un furgone, denunciato http://ecodibiella.it/cronaca/aggredisce-conducente-di-un-furgone-denunciato/ http://ecodibiella.it/cronaca/aggredisce-conducente-di-un-furgone-denunciato/#respond Mon, 21 May 2018 13:26:59 +0000 http://ecodibiella.it/?p=58680 Aggredisce conducente di un furgone, denunciato. Aggredisce conducente di un furgone Ha aggredito e spintonato il conducente di un furgone che gli rimproverava l’eccessiva velocità. Ora un biellese di 40 anni è stato denunciato. Dovrà rispondere delle accuse di violenza privata e danneggiamento. I fatti L’episodio che lo ha messo nei guai risale all’inizio del […]

Continua la lettura di Aggredisce conducente di un furgone, denunciato su Eco di Biella.

]]>
Aggredisce conducente di un furgone, denunciato.

Aggredisce conducente di un furgone

Ha aggredito e spintonato il conducente di un furgone che gli rimproverava l’eccessiva velocità. Ora un biellese di 40 anni è stato denunciato. Dovrà rispondere delle accuse di violenza privata e danneggiamento.

I fatti

L’episodio che lo ha messo nei guai risale all’inizio del mese di aprile. Era il 6 aprile quando la vittima dell’aggressione, che stava scaricando della merce in via Candelo, ha rimproverato il conducente del furgone per le’ccessiva velocità. Il conducente del mezzo si è fermato e gliene ha dette di tutti i colori. Sono volate urla e insulti,  poi il conducente del furgone ha strattonato quell’uomo che lo aveva sgridato.

Intervento di un presente

In aiuto all’uomo è intervenuto anche uno dei clienti del negozio presente in zona. Ha cercato di dividere i due, ma l’uomo del furgone, invece di smetterla e allontanarsi, ha preso a pugni il mezzo dell’altro, che lo aveva sgridato poco prima.

Denunciato

Alla fine l’aggressore è stato individuato e denunciato. Una curiosità: l’identificazione è stata resa possibile grazie a materiale fotografico sottoposto dagli agentid ella Questura di Biella all’aggredito, che ha riconosciuto senza alcun dubbio, quell’uomo così scalmanato.

Sh.C.

Continua la lettura di Aggredisce conducente di un furgone, denunciato su Eco di Biella.

]]>
http://ecodibiella.it/cronaca/aggredisce-conducente-di-un-furgone-denunciato/feed/ 0
Frana sulla Pollone-Sordevolo: la strada resta chiusa http://ecodibiella.it/attualita/frana-sulla-pollone-sordevolo/ http://ecodibiella.it/attualita/frana-sulla-pollone-sordevolo/#respond Mon, 21 May 2018 13:01:19 +0000 http://ecodibiella.it/?p=58676 Frana sulla Pollone-Sordevolo: la strada per ora  resta chiusa al traffico. Frana sulla Pollone-Sordevolo Resterà chiuso a tempo indeterminato il tratto di provinciale che collega Pollone a Sordevolo e che è stato chiuso al traffico sabato, a causa di un’improvvisa frana dovuta alle forti pioggie. Strada chiusa L’annuncio arriva dal presidente della Provincia, Emanuele Ramella […]

Continua la lettura di Frana sulla Pollone-Sordevolo: la strada resta chiusa su Eco di Biella.

]]>
Frana sulla Pollone-Sordevolo: la strada per ora  resta chiusa al traffico.

Frana sulla Pollone-Sordevolo

Resterà chiuso a tempo indeterminato il tratto di provinciale che collega Pollone a Sordevolo e che è stato chiuso al traffico sabato, a causa di un’improvvisa frana dovuta alle forti pioggie.

Strada chiusa

L’annuncio arriva dal presidente della Provincia, Emanuele Ramella Pralungo, intervenuto dopo che oggi si è diffusa la notizia di una riapertura del tratto viario con modalità di senso unico alternato.

Le dichiarazioni

“La strada – interviene il presidente Ramella Pralungo –  è attualmente chiusa e rimarrà chiusa fino a quando i tecnici non potranno garantire la piena sicurezza della circolazione. Gli uffici stanno lavorando per eseguire tutte le valutazioni tecniche del caso e fino al termine di questo lavoro la strada rimarrà chiusa al traffico, perché non si presenta alcuna certezza riguardo la tenuta della singola carreggiata, per ora, non coinvolta dall’evento”.

Il ripristino

Per quanto riguarda i tempi di ripristino non potranno essere brevi: il Presidente Ramella Pralungo è attualmente impegnato nella ricerca della copertura finanziaria, da poter “consegnare” all’ufficio tecnico”.

Sh.C.

Continua la lettura di Frana sulla Pollone-Sordevolo: la strada resta chiusa su Eco di Biella.

]]>
http://ecodibiella.it/attualita/frana-sulla-pollone-sordevolo/feed/ 0
Uomo muore a soli 54 anni http://ecodibiella.it/cronaca/uomo-muore-a-soli-54-anni/ http://ecodibiella.it/cronaca/uomo-muore-a-soli-54-anni/#respond Mon, 21 May 2018 10:50:09 +0000 http://ecodibiella.it/?p=58668 Uomo muore a soli 54 anni. Uomo muore Si é spento sabato sera all’istituto Belletti Bona di Biella Salvatore Azzarello, di Cerrione, frazione Vergnasco. Aveva solo 54 anni. E’ morto di tumore. Lutto Ex operaio tessile, aveva una passione sfrenata per la musica. Non si è mai arreso, nemmeno un solo istante, alla malattia. Lascia […]

Continua la lettura di Uomo muore a soli 54 anni su Eco di Biella.

]]>
Uomo muore a soli 54 anni.

Uomo muore

Si é spento sabato sera all’istituto Belletti Bona di Biella Salvatore Azzarello, di Cerrione, frazione Vergnasco. Aveva solo 54 anni. E’ morto di tumore.

Lutto

Ex operaio tessile, aveva una passione sfrenata per la musica. Non si è mai arreso, nemmeno un solo istante, alla malattia. Lascia la moglie Rita Motto, la figlia Alice con Francesco, la mamma Santina e il Papà Vincenzo, le sorelle Rosa, Francesca, Paola e Patrizia e il fratello Luca.

Domani il funerale

Il funerale si terrà a Vergnasco, frazione di Cerrione, domani, alle 15 nella chiesa parrocchiale di San Giorgio. Dopo la funzione religiosa la salma verrà tumulata nel cimitero di Valdengo. Il santo rosario, invece, sarà recitato nella stessa chiesa questa sera, lunedì 21, alle 20.

Sh.C.

Continua la lettura di Uomo muore a soli 54 anni su Eco di Biella.

]]>
http://ecodibiella.it/cronaca/uomo-muore-a-soli-54-anni/feed/ 0
IronBiella Triathlon, storico accordo tra società per crescere i giovani http://ecodibiella.it/sport/ironbiella-triathlon-storico-accordo-tra-societa-per-crescere-i-giovani/ http://ecodibiella.it/sport/ironbiella-triathlon-storico-accordo-tra-societa-per-crescere-i-giovani/#respond Mon, 21 May 2018 10:30:23 +0000 http://ecodibiella.it/?p=58639 IronBiella Triathlon, storico accordo tra società biellesi per crescere i giovani. Se l’unione fa la forza, Biella questa volta ha già vinto. Il proverbio si concretizza, infatti, in un nuovo progetto, di grande respiro, che coinvolge ben sei realtà sportive biellesi.  In un mondo che tende a dividere, questa volta a Biella si unisce. Ed […]

Continua la lettura di IronBiella Triathlon, storico accordo tra società per crescere i giovani su Eco di Biella.

]]>
IronBiella Triathlon, storico accordo tra società biellesi per crescere i giovani. Se l’unione fa la forza, Biella questa volta ha già vinto. Il proverbio si concretizza, infatti, in un nuovo progetto, di grande respiro, che coinvolge ben sei realtà sportive biellesi.  In un mondo che tende a dividere, questa volta a Biella si unisce. Ed è già una notizia.

IronBiella Triathlon, storico accordo tra società

Nei giorni scorsi, infatti, negli studi di AssiBiella Unipol Assicurazioni la presidenza dell’IronBiella Triathlon, società nata nel 1996, ha lanciato una bella sfida al mondo sportivo giovanile: un tavolo di lavoro (nella foto) per avvicinare i ragazzi alla triplice disciplina, ma anche per orientarli verso altri sport e, soprattutto, per invogliarli a non abbandonare la pratica sportiva. Educativo. «Lo sport ha una valenza sociale spesso sottovalutata – ha commentato Beatrice Lanza, ex triathleta olimpionica, oggi coordinatrice di un corso per i più piccoli alla Pralino di Sandigliano -; è importante lavorare su questo aspetto: i giovani devono essere stimolati e l’allenamento in gruppo è senza dubbio il primo passo da fare».

I protagonisti del patto per i giovani biellesi

La squadra. Giuseppe Lanza (presidente IronBiella) e i suoi consiglieri hanno incontrato Enrico Rubino (direttore tecnico di Dynamic Sport, società di nuoto), Filippo Borrione (presidente UCAB Biella, ciclismo), Anselmo Cagni (tecnico UCAB Biella), Lodovico Meliga (presidente UGB, atletica leggera), Pietro Abrignani (tecnico UGB), Beatrice Lanza (vice-presidente Pralino Sport) e Gabriele Pivano (coordinatore Insport – Centro Sportivo Massimo Rivetti). «Il triathlon è uno sport che unisce tre diverse discipline: il nuoto, il ciclismo e l’atletica leggera – ha spiegato Giuseppe Lanza –; IronBiella ha scelto di unire le forze per raggiungere un importante obiettivo: promuovere la pratica sportiva collaborando attivamente con le realtà del territorio. Sono onorato di poter lavorare a più mani ad un progetto tanto importante, volto alla crescita dei vivai giovanili non soltanto nel triathlon, ma in tutte le discipline coinvolte».

Esperienza diretta. «Frequentando i campi gara ci siamo resi conto che la crescita del movimento triathlon è possibile soltanto con il supporto delle società giovanili – ha aggiunto Alberto Angelino, consigliere IronBiella e atleta –; per questo abbiamo voluto coinvolgere Dynamic, UCAB e UGB/Bugella in rappresentanza delle tre diverse discipline. La preziosa collaborazione di Pralino Sport e Insport è fondamentale per la gestione, per la logistica e per l’utilizzo delle strutture».

Parlano i partner nel nuoto, ciclismo e atletica

Gli intenti. I rappresentanti delle società coinvolte hanno apprezzato la proposta, condividendone gli intenti: «Dynamic Sport è ben contenta di iniziare questa nuova avventura perché da sempre crediamo nelle collaborazioni e nella formazione multilaterale e multidisciplinare dei ragazzi. Offrire ai nostri nuotatori l’opportunità di scoprire il mondo del triathlon è assolutamente in linea con i nostro modo di vedere lo sport giovanile», ha commentato Enrico Rubino.

Novità. Positiva anche la risposta di Filippo Borrione di Ucab 1925: «Questo progetto riflette un nuovo modo di pensare lo sport, dando maggior specificità agli allenamenti con tecnici professionisti che preparano l’atleta su tre discipline. Se si avrà pazienza si otterranno grandi risultati. Inoltre, il progetto potrebbe anche prendere nuove direzioni: un atleta che ha sempre nuotato potrebbe appassionarsi di atletica o ciclismo o viceversa, dando così la possibilità ai ragazzi di seguire le loro inclinazioni».

Anti dispersione. Sulla stessa linea di pensiero, Lodovico Meliga ha aggiunto che «la dispersione di forze è sempre stata all’ordine del giorno nel mondo dello sport biellese, e in particolare in quello dell’atletica leggera, mentre i progetti di collaborazione tra società sono una ricchezza per gli atleti. Purtroppo, invece, spesso si va nella direzione opposta perché mancano unione di intenti e volontà. Ripartire con nuove proposte è un grande passo».
Benedetta Lanza

Continua la lettura di IronBiella Triathlon, storico accordo tra società per crescere i giovani su Eco di Biella.

]]>
http://ecodibiella.it/sport/ironbiella-triathlon-storico-accordo-tra-societa-per-crescere-i-giovani/feed/ 0
Si ribalta con l’auto: era ubriaco http://ecodibiella.it/cronaca/si-ribalta-con-lauto-era-ubriaco/ http://ecodibiella.it/cronaca/si-ribalta-con-lauto-era-ubriaco/#respond Mon, 21 May 2018 09:58:27 +0000 http://ecodibiella.it/?p=58665 Si ribalta con l’auto: era ubriaco. Si ribalta con l’auto Era ubriaco il conducente dell’auto che, ieri sera, si è ribaltata lungo la superstrada Biella- Cossato, all’altezza dello svincolo di Vigliano Biellese. Illeso Al volante della vettura c’era un uomo di 40 anni residente nel Biellese. A seguito dell’incidente l’uomo per fortuna non ha riportato […]

Continua la lettura di Si ribalta con l’auto: era ubriaco su Eco di Biella.

]]>
Si ribalta con l’auto: era ubriaco.

Si ribalta con l’auto

Era ubriaco il conducente dell’auto che, ieri sera, si è ribaltata lungo la superstrada Biella- Cossato, all’altezza dello svincolo di Vigliano Biellese.

Illeso

Al volante della vettura c’era un uomo di 40 anni residente nel Biellese. A seguito dell’incidente l’uomo per fortuna non ha riportato lesioni o ferite gravi. E’ comunque  stato portato all’ospedale di Ponderano per accertamenti.

Ubriaco

Dai controlli di rito effettuati in ospedale è emerso che l’uomo si era messo alla guida dopo aver alzato un po’ troppo il gomito: dagli esami del sangue il tasso alcolemico riscontrato era oscillava tra lo 0,8 e l’1,5 mg/l. Nei suoi confronti è scattata la denuncia per guida in stato di ebbrezza. Oltre al personale del 118 e ai Vigili del fuoco (giunti sul posto per mettere in sicurezza il veicolo) sono intervenuti anche gli agenti della Polizia stradale.

Sh.C.

Continua la lettura di Si ribalta con l’auto: era ubriaco su Eco di Biella.

]]>
http://ecodibiella.it/cronaca/si-ribalta-con-lauto-era-ubriaco/feed/ 0
Aggredisce operatore del centro accoglienza con un coltello http://ecodibiella.it/cronaca/aggredisce-operatore-del-centro-accoglienza/ http://ecodibiella.it/cronaca/aggredisce-operatore-del-centro-accoglienza/#respond Mon, 21 May 2018 09:46:18 +0000 http://ecodibiella.it/?p=58663 Aggredisce operatore del centro accoglienza con un coltello. Aggredisce operatore L’episodio è successo ieri sera al centro accoglienza di Candelo. Lite tra moglie e marito Mai il detto “tra moglie e marito non mettere il dito” potrà rivelarsi più vero. A litigare, ieri, sono stati un nigeriano di 33 anni e la moglie. Lite degenerata […]

Continua la lettura di Aggredisce operatore del centro accoglienza con un coltello su Eco di Biella.

]]>
Aggredisce operatore del centro accoglienza con un coltello.

Aggredisce operatore

L’episodio è successo ieri sera al centro accoglienza di Candelo.

Lite tra moglie e marito

Mai il detto “tra moglie e marito non mettere il dito” potrà rivelarsi più vero. A litigare, ieri, sono stati un nigeriano di 33 anni e la moglie.

Lite degenerata

Siccome la discussione tra i due stava degenerando e i le grida dei due coniugi disturbavano gli altri ospiti, è intervenuto il referente del centro accoglienza. L’uomo, che ha 31 anni ed è originario del Togo, ha tentato di stemperare gli animi.

Aggredito

La sua intromissione non è però per nulla piaciuta al nigeriano che, invece di calmarsi, è andato in cucina a prendere un grosso coltello e ha minacciato l’operatore. Sono intervenuti anche i carabinieri. Il nigeriano sarà denunciato per minacce gravi.

Sh.C.

Continua la lettura di Aggredisce operatore del centro accoglienza con un coltello su Eco di Biella.

]]>
http://ecodibiella.it/cronaca/aggredisce-operatore-del-centro-accoglienza/feed/ 0
Sassate contro la veranda del vicino e sputi ai carabinieri http://ecodibiella.it/cronaca/sassate-contro-la-veranda-del-vicino-e-sputi-ai-carabinieri/ http://ecodibiella.it/cronaca/sassate-contro-la-veranda-del-vicino-e-sputi-ai-carabinieri/#respond Mon, 21 May 2018 09:34:42 +0000 http://ecodibiella.it/?p=58659 Sassate contro la veranda del vicino e sputi ai carabinieri. Sassate contro la veranda del vicino E’ una vicenda incredibile quella successa ieri a Cossato, in via Barazze: un uomo, dopo aver litigato con i vicini di casa, ha preso a sassate la veranda della loro abitazione. Più tardi, all’arrivo dei carabinieri, si è barricato […]

Continua la lettura di Sassate contro la veranda del vicino e sputi ai carabinieri su Eco di Biella.

]]>
Sassate contro la veranda del vicino e sputi ai carabinieri.

Sassate contro la veranda del vicino

E’ una vicenda incredibile quella successa ieri a Cossato, in via Barazze: un uomo, dopo aver litigato con i vicini di casa, ha preso a sassate la veranda della loro abitazione. Più tardi, all’arrivo dei carabinieri, si è barricato in casa e si è messo a spuntare dalla finestra in direzione dei militari.

Denuncia

L’episodio è successo in tarda mattinata. Il protagonista della vicenda, che ha 48 anni ed è già conosciuto dalle forze dell’ordine, verrà denunciato. Le accuse delle quali dovrà rispondere sono resistenza a pubblico ufficiale e danneggiamento (della veranda dei vicini: alcuni vetri infatti si sono rotti).

I fatti

Nella concitazione del momento non è stato chiarito come mai l’uomo abbia litigato con gli anziani vicini: di certo c’è che, in un momento di estrema rabbia, ha perso del tutto la testa e si è messo a lanciare dei sassi contro la veranda della loro casa, che è rimasta danneggiata.

L’allarme

A chiedere l’intervento dei militari è stato proprio il vicino di casa, spaventato dall’ira aggressiva di quell’uomo. Ma nemmeno all’arrivo delle forze dell’ordine l’aggressore si è calmato: si è barricato in casa e ha rifiutato in ogni modo di aprire la porta ai militari.

Recidivo

La situazione sembrava tornata alla calma quando – appena tre ore dopo – alla centrale del 112 è arrivata una nuova telefonata: era di nuovo l’anziano che chiedeva aiuto perché il vicino di casa aveva ripreso a lanciare sassi contro la sua veranda.

Anche questa volta l’aggressore si è rifugiato in casa, barricato come in una fortezza. Guardava i carabinieri dalla finestra, urlava loro contro e sputava verso di loro.

Di sera

La terza e ultima richiesta di soccorso della giornata è arrivata di sera. A chiamare il 112 questa volta è stato il genero del pensionato: era andato a dormire a casa del suocero perché era spaventato per quanto successo durante il giorno. Nella pace della sera il genero ha sentito dei forti rumori: il vicino di casa aveva ricominciato a prendere a sassate la veranda del pensionato. Sono nuovamente intervenuti i carabinieri. L’uomo di 48 anni era completamente fuori di sé. Verrà come detto denunciato.

Sh.C.

 

Continua la lettura di Sassate contro la veranda del vicino e sputi ai carabinieri su Eco di Biella.

]]>
http://ecodibiella.it/cronaca/sassate-contro-la-veranda-del-vicino-e-sputi-ai-carabinieri/feed/ 0
Denunciato dai carabinieri l’uomo… invisibile http://ecodibiella.it/cronaca/denunciato-dai-carabinieri-luomo-invisibile/ http://ecodibiella.it/cronaca/denunciato-dai-carabinieri-luomo-invisibile/#respond Mon, 21 May 2018 04:30:01 +0000 http://ecodibiella.it/?p=58651 Denunciato dai carabinieri l’uomo… invisibile. Faceva il meccanico. Possedeva un’officina di autoriparazioni con tutti i crismi a Vigliano. E c’è chi sostiene che fosse anche bravo. Di sicuro i prezzi erano buoni in quanto non ha mai rilasciato ricevute, fatture o scontrini. Era tutto in nero. Era sconosciuto anche al Fisco Al Fisco era sconosciuto, […]

Continua la lettura di Denunciato dai carabinieri l’uomo… invisibile su Eco di Biella.

]]>
Denunciato dai carabinieri l’uomo… invisibile. Faceva il meccanico. Possedeva un’officina di autoriparazioni con tutti i crismi a Vigliano. E c’è chi sostiene che fosse anche bravo. Di sicuro i prezzi erano buoni in quanto non ha mai rilasciato ricevute, fatture o scontrini. Era tutto in nero.

Era sconosciuto anche al Fisco

Al Fisco era sconosciuto, così come a chi avrebbe dovuto rilasciargli l’autorizzazione. Era sconosciuto da qualche anno anche alla Motorizzazione, da quando gli era stata levata la patente. Per la burocrazia stava poco alla volta diventando uno sconosciuto, un invisibile, che in tanti vedono, ma che non risulta, non ha documenti di guida, non possiede libri contabili e quindi per il Fisco non risulta. E nemmeno possiede l’autorizzazione ad operare come meccanico nella sua officina attrezzata di tutto punto.

Denunciato

Era quindi sconosciuto per tanti, col passare del tempo sempre di più. Non però per i carabinieri. Sono stati loro, prima quelli dell’Ispettorato del lavoro e poi quelli del comando di Andorno, a rifilare all’invisibile, di colpo diventato ben visibile, una serie di batoste amministrative e penali di notevole spessore.

Risiede a Campiglia

Nei guai è finito un uomo di 58 anni di cui sono state fornite le sole iniziali, C.E., con residenza a Campiglia. A metà della scorsa settimana, sono piombati nell’officina che c’è ma non c’è, di Vigliano, i carabinieri dell’Ispettorato del lavoro. Sono stati questi carabinieri – intervenuti per accertare se in quell’officina vi fossero o meno dei lavoratori in nero – a scoprire che il titolare era di fatto sconosciuto e che tutto in realtà fosse in nero. Che quel meccanico operava in modo abusivo, senza autorizzazione e senza l’iscrizione al libro delle imprese.

Senza patente e assicurazione

I carabinieri di Andorno Micca hanno infine fermato il giorno dopo il meccanico alla guida di un’auto senza patente e senza assicurazione.

V.Ca.

LA NOTIZIA COMPLETA LA POTRETE TROVARE STAMATTINA SU ECO DI BIELLA IN EDICOLA

Continua la lettura di Denunciato dai carabinieri l’uomo… invisibile su Eco di Biella.

]]>
http://ecodibiella.it/cronaca/denunciato-dai-carabinieri-luomo-invisibile/feed/ 0
Allarme bomba per una valigia sospetta http://ecodibiella.it/cronaca/allarme-bomba-per-una-valigia-sospetta/ http://ecodibiella.it/cronaca/allarme-bomba-per-una-valigia-sospetta/#respond Mon, 21 May 2018 04:15:19 +0000 http://ecodibiella.it/?p=58644 Allarme bomba per una valigia sospetta. Si è per fortuna risolto in pochi minuti grazie all’intuito e all’esperienza di due carabinieri del comando di Biella che non hanno fatto intervenire gli artificieri, richiesta che avrebbe comportato un notevole costo per la collettività e tanto tempo in più, la presenza lungo il marciapiede di via Addis […]

Continua la lettura di Allarme bomba per una valigia sospetta su Eco di Biella.

]]>
Allarme bomba per una valigia sospetta. Si è per fortuna risolto in pochi minuti grazie all’intuito e all’esperienza di due carabinieri del comando di Biella che non hanno fatto intervenire gli artificieri, richiesta che avrebbe comportato un notevole costo per la collettività e tanto tempo in più, la presenza lungo il marciapiede di via Addis Abeba, davanti al Liceo Classico e al nostro giornale, di una valigia da viaggio.

Allarme bomba: valigia aperta

Era appoggiata alla ringhiera di un condominio ed era di grosse dimensioni. I militari hanno subito capito che quella valigia non poteva contenere una bomba. Si sono così avvicinati e dopo aver effettuato un’analisi esterna, l’hanno aperta, tasca dopo tasca, senza trovare assolutamente nulla al suo interno. Alla fine la valigia è stata posata all’interno del cancelletto del palazzo e un paio d’ore dopo l’ha ritirata in proprietario.

V.Ca.

Continua la lettura di Allarme bomba per una valigia sospetta su Eco di Biella.

]]>
http://ecodibiella.it/cronaca/allarme-bomba-per-una-valigia-sospetta/feed/ 0
Virtus Biella, sulla strada della B1 c’è l’Almenno http://ecodibiella.it/sport/virtus-biella-sulla-strada-della-b1-ce-lalmenno/ http://ecodibiella.it/sport/virtus-biella-sulla-strada-della-b1-ce-lalmenno/#respond Sun, 20 May 2018 11:30:43 +0000 http://ecodibiella.it/?p=58633 Virtus Biella, sulla strada della B1 c’è l’Almenno. Inizia il conto alla rovescia per l’andata della semifinale playoff di serie B2 femminile di volley in programma mercoledì sera al PalaSarselli di Chiavazza. Virtus Biella, sulla strada della B1 c’è l’Almenno In settimana la Prochimica Novarese ha affrontato un test-match a Caselle chiuso in maniera molto […]

Continua la lettura di Virtus Biella, sulla strada della B1 c’è l’Almenno su Eco di Biella.

]]>
Virtus Biella, sulla strada della B1 c’è l’Almenno. Inizia il conto alla rovescia per l’andata della semifinale playoff di serie B2 femminile di volley in programma mercoledì sera al PalaSarselli di Chiavazza.

Virtus Biella, sulla strada della B1 c’è l’Almenno

In settimana la Prochimica Novarese ha affrontato un test-match a Caselle chiuso in maniera molto positiva, solo ieri sera ha poi conosciuto il nome della formazione avversaria: si tratta del Lemen di Almenno (Bergamo), squadra lombarda che nel turno preliminare ha sconfitto per 3-0 in trasferta il Pavic Romagnano, vincendo poi in casa 3-2 la partita di ritorno. Nella regular season aveva chiuso al terzo posto nel girone C di serie B2 con uno score di 19 vinte e 7 perse, dopo essere stata al comando sino alla 10ª giornata. Nell’altra semifinale si incontreranno il Pregis Arco Riva di Trento (che ha eliminato il Gossolengo alla terza partita) e l’Ostiano, formazione cremonese qualificata, come la Virtus, direttamente alla semifinale.

Fonsati: «Invito i nostri tifosi a venire a tifare per noi!»

Francesca Fonsati, una delle grandi protagoniste di questa stagione: «Le settimane sono andate bene: abbiamo alternato momenti di riposo e momenti in cui abbiamo lavorato tanto. L’unica cosa un po’ difficile è stato vedere le altre squadre che o vanno in vacanza o iniziano a giocare mentre tu sei ferma, rimanere concentrate non è mai facile. Comunque ci sentiamo pronte, anche se per i playoff non si può mai sentirsi pronte al massimo. Pur non conoscendo molto le squadre che affronteremo, se sono arrivate fin qui sono sicuramente dei gruppi uniti contro cui non sarà semplice giocare. Certamente la prima gara sarà molto insidiosa, perchè è quella in cui arrivi molto teso e devi ancora rompere il ghiaccio, quindi l’emozione può essere un’insidia nascosta. Il fattore campo sarà importantissimo, ed è il motivo per cui abbiamo sempre spinto anche nelle ultime gare di campionato. Giocare la prima in casa sarà molto emozionante e spero proprio che, nonostante la collocazione infrasettimanale, il palazzetto sarà pieno: invito tutto il nostro pubblico e le ragazze del settore giovanile, quest’anno ci hanno dato un grande spinta e abbiamo bisogno di loro anche e soprattutto in questa occasione».

Continua la lettura di Virtus Biella, sulla strada della B1 c’è l’Almenno su Eco di Biella.

]]>
http://ecodibiella.it/sport/virtus-biella-sulla-strada-della-b1-ce-lalmenno/feed/ 0
Testimone di Biella fece catturare Igor il russo http://ecodibiella.it/cronaca/testimone-di-biella-fece-catturare-igor-il-russo/ http://ecodibiella.it/cronaca/testimone-di-biella-fece-catturare-igor-il-russo/#respond Sun, 20 May 2018 04:00:11 +0000 http://ecodibiella.it/?p=58638 Testimone di Biella fece catturare Igor il russo. «Buongiorno. So in che Paese si trova Igor, so in che casa è, so i nomi dei passaporti con cui va in giro, so chi glieli ha fatti e so chi è si è preso la briga di farlo scappare da Ferrara». O meglio, dalla zona rossa […]

Continua la lettura di Testimone di Biella fece catturare Igor il russo su Eco di Biella.

]]>
Testimone di Biella fece catturare Igor il russo. «Buongiorno. So in che Paese si trova Igor, so in che casa è, so i nomi dei passaporti con cui va in giro, so chi glieli ha fatti e so chi è si è preso la briga di farlo scappare da Ferrara». O meglio, dalla zona rossa tra il Mezzano e Molinella da cui il killer serbo – Norbert Feher, 37 anni, di Subotica, meglio noto come Igor il russo – è riuscito a sparire facendosi beffa degli inquirenti.

Testimone di Biella invia una lettera

E’ una lettera inviata dal carcere di viale dei Tigli a Biella da un detenuto marocchino dentro per droga, ad aver consentito agli inquirenti di stringere il cerchio verso la pista spagnola e poi di catturare lo spietato Igor il russo.
Dopotutto, in Spagna, era noto ormai da tempo, Igor era già stato più volte in passato. Là si trovava pure un suo vecchio compagno di cella italiano. E la lingua, per il serbo, non era certo un problema. Mancavano, però, piste concrete, luoghi da sorvegliare, soggetti da monitorare. Quelli, appunto, che di lì a poco sarebbero arrivati grazie al racconto del detenuto del carcere di Biella, confluito nell’informativa finale.

Gli inquirenti in viale dei Tigli

E’ di pochi giorni fa la clamorosa notizia che il 25 agosto scorso, infatti, dopo solo tre giorni dall’aver ricevuto quella lettera scritta grazie alla traduzione fatta da un altro detenuto marocchino che pare sia residente proprio a Biella, anche lui in carcere per droga, gli inquirenti si erano fiondati in viale dei Tigli per raccogliere la fondamentale testimonianza.

V.Ca.

L’ARTICOLO COMPLETO LO POTETE TROVARE STAMATTINA SU ECO DI BIELLA IN EDICOLA

Continua la lettura di Testimone di Biella fece catturare Igor il russo su Eco di Biella.

]]>
http://ecodibiella.it/cronaca/testimone-di-biella-fece-catturare-igor-il-russo/feed/ 0
Vetrine viventi, successo in Centro FOTO http://ecodibiella.it/attualita/vetrine-viventi-successo-in-centro-foto/ http://ecodibiella.it/attualita/vetrine-viventi-successo-in-centro-foto/#respond Sun, 20 May 2018 10:10:29 +0000 http://ecodibiella.it/?p=58607 Vetrine viventi, successo in Centro città sabato. L’iniziativa è targata dai commercianti di Biella e dalla Pro loco. E ha riscosso consensi. Vetrine viventi, come nasce l’idea L’idea è partita da alcuni commercianti che, insieme alla Proloco di Biella, hanno voluto animare il centro città in modo insolito: così sabato scorso sono andate in scena […]

Continua la lettura di Vetrine viventi, successo in Centro FOTO su Eco di Biella.

]]>
Vetrine viventi, successo in Centro città sabato. L’iniziativa è targata dai commercianti di Biella e dalla Pro loco. E ha riscosso consensi.

Vetrine viventi, come nasce l’idea

L’idea è partita da alcuni commercianti che, insieme alla Proloco di Biella, hanno voluto animare il centro città in modo insolito: così sabato scorso sono andate in scena le ‘vetrine viventi’, con ragazze e ragazzi a recitare, indossando i prodotti dei negozi aderenti, lo spettacolo dello shopping lungo via Italia e nelle strade adiacenti. A partire dal mattino, i negozianti hanno creato vere e proprie scenografie – all’interno o con ambientazioni esterne – con modelle e modelli, grandi e bambini, a fare da ‘manichini viventi’, offrendo un’atmosfera insolitamente vivace al salotto della città.

Vetrine viventi

Continua la lettura di Vetrine viventi, successo in Centro FOTO su Eco di Biella.

]]>
http://ecodibiella.it/attualita/vetrine-viventi-successo-in-centro-foto/feed/ 0
Scontro tra due auto, donna ferita http://ecodibiella.it/cronaca/scontro-tra-due-auto-2/ http://ecodibiella.it/cronaca/scontro-tra-due-auto-2/#respond Sat, 19 May 2018 08:43:26 +0000 http://ecodibiella.it/?p=58605 Scontro tra due auto, donna ferita. E’ successo ieri ad Andorno Micca. Incidente, donna ferita L’episodio è successo in via Cavalieri di Vittorio Veneto. L’incidente La dinamica dello scontro è ancora al vaglio dei carabinieri intervenuti sul posto. A scontrarsi sono state la Peugeot 207 di un uomo di 19 anni che vive a Callabiana […]

Continua la lettura di Scontro tra due auto, donna ferita su Eco di Biella.

]]>
Scontro tra due auto, donna ferita. E’ successo ieri ad Andorno Micca.

Incidente, donna ferita

L’episodio è successo in via Cavalieri di Vittorio Veneto.

L’incidente

La dinamica dello scontro è ancora al vaglio dei carabinieri intervenuti sul posto. A scontrarsi sono state la Peugeot 207 di un uomo di 19 anni che vive a Callabiana e la Citroén C3 di una donna di Salussola.

In ospedale

La donna è stata portata in ospedale dai sanitari del servizio di 118. Le ferite che ha riportato sono superficiali.

Continua la lettura di Scontro tra due auto, donna ferita su Eco di Biella.

]]>
http://ecodibiella.it/cronaca/scontro-tra-due-auto-2/feed/ 0
Lite tra vicini per il cane http://ecodibiella.it/cronaca/lite-tra-vicini-per-il-cane/ http://ecodibiella.it/cronaca/lite-tra-vicini-per-il-cane/#respond Sat, 19 May 2018 08:37:48 +0000 http://ecodibiella.it/?p=58603 Lite tra vicini per il cane. Lite tra vicini L’episodio è successo a Biella. A litigare sono stati una donna di 32 anni e un ragazzo di 28 anni di origine rumena. Lite con minacce La discussione è in breve tempo degenerata con insulti e minacce. Sembra che il giovane rumeno non tollerasse il cane […]

Continua la lettura di Lite tra vicini per il cane su Eco di Biella.

]]>
Lite tra vicini per il cane.

Lite tra vicini

L’episodio è successo a Biella. A litigare sono stati una donna di 32 anni e un ragazzo di 28 anni di origine rumena.

Lite con minacce

La discussione è in breve tempo degenerata con insulti e minacce. Sembra che il giovane rumeno non tollerasse il cane della vicina di casa.

Carabinieri

Ai carabinieri il giovane ha spiegato che il regolamento condominiale non ammette animali nel palazzo. Di fronte ai militari, comunque, la lite si è ridimensionata.

 

Continua la lettura di Lite tra vicini per il cane su Eco di Biella.

]]>
http://ecodibiella.it/cronaca/lite-tra-vicini-per-il-cane/feed/ 0
Lite al bar tra ubriachi per il canale tv http://ecodibiella.it/cronaca/lite-al-bar-tra-ubriachi/ http://ecodibiella.it/cronaca/lite-al-bar-tra-ubriachi/#respond Sat, 19 May 2018 08:31:03 +0000 http://ecodibiella.it/?p=58601 Lite al bar tra ubriachi per il canale tv. E’ successo ieri sera al City Bar di piazza Primo maggio a Biella. Lite al bar Al centro della discussione il programma tv da vedere. I coinvolti A contendersi il telecomando erano Massimo B., 54 anni di Andorno Micca e Angelo C., 75 anni, di Biella. […]

Continua la lettura di Lite al bar tra ubriachi per il canale tv su Eco di Biella.

]]>
Lite al bar tra ubriachi per il canale tv. E’ successo ieri sera al City Bar di piazza Primo maggio a Biella.

Lite al bar

Al centro della discussione il programma tv da vedere.

I coinvolti

A contendersi il telecomando erano Massimo B., 54 anni di Andorno Micca e Angelo C., 75 anni, di Biella.

I soccorsi

All’arrivo del carabinieri gli animi dei due si sono placati. Il più giovane è stato portato in ospedale a smaltire la sbornia.

Continua la lettura di Lite al bar tra ubriachi per il canale tv su Eco di Biella.

]]>
http://ecodibiella.it/cronaca/lite-al-bar-tra-ubriachi/feed/ 0
Ruba un telefonino, scoperto grazie a Fb http://ecodibiella.it/altro/ruba-un-telefonino-scoperto-grazie-a-fb/ http://ecodibiella.it/altro/ruba-un-telefonino-scoperto-grazie-a-fb/#respond Sat, 19 May 2018 08:22:35 +0000 http://ecodibiella.it/?p=58598 Ruba un telefonino, ma viene scoperto grazie a Fb e denunciato dai carabinieri. Ruba un telefonino Nei guai è finito M.A., 25 anni, di origine marocchina ma residente a Sagliano Micca. Dovrà rispondere dell’accusa di furto. Il furto Il furto è avvenuto lo scorso 20 aprile all’Hollywood pub di Vigliano Biellese. Il giovane si è […]

Continua la lettura di Ruba un telefonino, scoperto grazie a Fb su Eco di Biella.

]]>
Ruba un telefonino, ma viene scoperto grazie a Fb e denunciato dai carabinieri.

Ruba un telefonino

Nei guai è finito M.A., 25 anni, di origine marocchina ma residente a Sagliano Micca. Dovrà rispondere dell’accusa di furto.

Il furto

Il furto è avvenuto lo scorso 20 aprile all’Hollywood pub di Vigliano Biellese. Il giovane si è impossessato del telefonino di una ragazza di 21 anni che era nel locale con alcuni amici e si è allontanato.

Scoperto

Gli amici della ragazza lo hanno visto mentre rubava il telefono cellulare, ma non sono riusciti a fermarlo.

Indagini

Sono stati gli stessi amici a scoprire l’identità del giovane, grazie al suo profilo Fb. Poi si sono recati dai carabinieri a raccontare l’intera vicenda.

Denunciato

Il giovane, vistosi scoperto, ha restituito il telefonino alla legittima proprietaria. Un gesto che però non è stato sufficiente a risparmiargli la denuncia.

Continua la lettura di Ruba un telefonino, scoperto grazie a Fb su Eco di Biella.

]]>
http://ecodibiella.it/altro/ruba-un-telefonino-scoperto-grazie-a-fb/feed/ 0
Nuova Touareg, benvenuto al SUV high-tech http://ecodibiella.it/motori/nuova-touareg-benvenuto-al-suv-high-tech/ Fri, 18 May 2018 20:43:31 +0000 http://ecodibiella.it/?p=58595 Nuova Touareg, siamo alla terza generazione: Volkswagen lancia sul mercato la sua nuova ammiraglia. Equipaggiata con innovative soluzioni di connettività e un’avanguardistica integrazione dei sistemi di assistenza, comfort, illuminazione e infotainment, la Touareg anticipa il futuro. Il design della vettura è poi caratterizzato da un particolare dinamismo. Con la nuova Touareg la Volkswagen offre un […]

Continua la lettura di Nuova Touareg, benvenuto al SUV high-tech su Eco di Biella.

]]>
Nuova Touareg, siamo alla terza generazione: Volkswagen lancia sul mercato la sua nuova ammiraglia. Equipaggiata con innovative soluzioni di connettività e un’avanguardistica integrazione dei sistemi di assistenza, comfort, illuminazione e infotainment, la Touareg anticipa il futuro. Il design della vettura è poi caratterizzato da un particolare dinamismo. Con la nuova Touareg la Volkswagen offre un modello evoluto il cui Innovision Cockpit anticipa l’idea degli interni digitali di domani.

Nuova Touareg e l’Innovision Cockpit

Una delle numerose innovazioni tecniche della nuova generazione di Touareg è l’Innovision Cockpit. La strumentazione digitale con Active Info Display da 12,3 pollici e il sistema di infotainment top di gamma Discover Premium con touchscreen da 15 pollici si fondono dando vita a un’unità digitale di comando, informazione, comunicazione ed entertainment sempre connessa, dall’uso intuitivo e con massime possibilità di personalizzazione. L’Innovision Cockpit rinuncia in misura quasi totale ai classici tasti, manopole e interruttori, ma li mantiene là dove hanno più senso, per esempio nella regolazione del volume.

Debutto con motori V6

In una prima fase, la Volkswagen offrirà la nuova Touareg sul mercato italiano con due motori V6 Turbodiesel da 2311 e 2862 CV (entrambi EU 6 AG). Queste motorizzazioni assicurano elevati pesi rimorchiabili. È prevista inoltre una propulsione ibrida plug-in con potenza di sistema di 367 CV, che debutterà dapprima sul mercato cinese. La data di lancio della Touareg con propulsione ibrida plug-in in Europa non è stata ancora definita. L’efficienza dei motori della Touareg è dimostrata dal V6 TDI da 286 CV: consuma appena 6,9 l/100 km (NEDC). Inoltre, il V6 TDI SCR 4MOTION può trainare rimorchi fino a 3,5 tonnellate.

Quattro ruote sterzanti

Un’altra novità assoluta per la Volkswagen è lo sterzo su quattro ruote, a richiesta. A seconda della situazione di guida, tutte e quattro le ruote vengono sterzate contemporaneamente. Le quattro ruote sterzanti contribuiscono a rendere la Touareg il più agile tra i SUV di grandi dimensioni. Le quattro ruote sterzanti operano essenzialmente sulla base di due condizioni di marcia: velocità inferiori e superiori a 37 km/h. Fino a 37 km/h le ruote posteriori sterzano automaticamente in direzione opposta rispetto alle ruote anteriori, con un conseguente miglioramento dell’agilità e della manovrabilità. Le quattro ruote sterzanti si fanno apprezzare per una riduzione del diametro di sterzata pari a un metro (11,19 anziché 12,19 m). Quando la velocità supera i 37 km/h, in fase di cambio di direzione le ruote posteriori sterzano automaticamente nella stessa direzione delle ruote anteriori.

Continua la lettura di Nuova Touareg, benvenuto al SUV high-tech su Eco di Biella.

]]>
Nuova Audi A6, upgrade in business-class http://ecodibiella.it/motori/nuova-audi-a6-upgrade-in-business-class/ Fri, 18 May 2018 20:28:51 +0000 http://ecodibiella.it/?p=58592 Nuova Audi A6, è ora di scoprirla. Non è mai stata tanto versatile. La berlina della Casa dei quattro anelli si distingue per la marcata digitalizzazione, il comfort ulteriormente migliorato, la superiore sportività e il design all’insegna dell’eleganza. Il sistema integralmente digitale MMI touch response porta in dote un azionamento dei comandi intuitivo e ampie possibilità di […]

Continua la lettura di Nuova Audi A6, upgrade in business-class su Eco di Biella.

]]>
Nuova Audi A6, è ora di scoprirla. Non è mai stata tanto versatile. La berlina della Casa dei quattro anelli si distingue per la marcata digitalizzazione, il comfort ulteriormente migliorato, la superiore sportività e il design all’insegna dell’eleganza. Il sistema integralmente digitale MMI touch response porta in dote un azionamento dei comandi intuitivo e ampie possibilità di personalizzazione. Alle molteplici tecnologie in materia di connettività e assistenza alla guida si affiancano l’assetto bilanciato, che coniuga comfort e tenuta di strada, e il sistema mild hybrid, esteso a tutte le motorizzazioni.

Nuova Audi A6 e la mild hybrid

Tutti i motori della nuova Audi A6 sono dotati della tecnologia mild-hybrid. Si tratta della terza gamma elettrificata da Audi, dopo A8 e A7 Sportback: un alternatore-starter azionato a cinghia (RSG) lavora in abbinamento a una batteria agli ioni di litio con capacità di 10 Ah. Nel caso dei motori a 6 cilindri viene utilizzato un sistema mild-hybrid a 48 volt. A6 può avanzare per inerzia fra 55 e 160 km/h e il sistema start/stop si attiva già da 22 km/h. In fase di decelerazione, l’RSG può recuperare fino a 12 kW di potenza. Nella marcia reale la tecnologia mild-hybrid a 48 volt riduce i consumi fino a 0.7 l/100 km.

Ed ora tocca ai motori

La nuova Audi A6 viene proposta con tre motori V6. L’offerta sarà successivamente ampliata dai motori a 4 cilindri TFSI e TDI. Tutti i propulsori sono caratterizzati da un’erogazione vigorosa, un’elevata efficienza e una spiccata trattabilità. Il V6 benzina di Audi A6 55 TFSI è un 3.0 TFSI da 340 CV e 500 Nm. Una coppia ancora superiore, 620 Nm, è portata in dote dal 3.0 TDI di Audi A6 50 TDI nella versione da 286 CV. I motori diesel V6 sono proposti con una trasmissione tiptronic a otto rapporti, il 3.0 TFSI è abbinato a un’unità a doppia frizione S tronic a sette rapporti.

Continua la lettura di Nuova Audi A6, upgrade in business-class su Eco di Biella.

]]>
Comprare il pellet prestagionale conviene http://ecodibiella.it/casa/comprare-il-pellet-prestagionale-conviene/ Fri, 18 May 2018 19:55:53 +0000 http://ecodibiella.it/?p=58589 Comprare il pellet prestagionale conviene. E’ sempre più diffuso, specialmente in Italia, ma forse la domanda che vi state ponendo è: «perché parlarne ora? I riscaldamenti non sono necessari». Siamo fuori stagione è vero, però proprio questo fattore rende più appetibile l’acquisto del combustibile in oggetto: l’inverno e il freddo torneranno ed è bene farsi […]

Continua la lettura di Comprare il pellet prestagionale conviene su Eco di Biella.

]]>
Comprare il pellet prestagionale conviene. E’ sempre più diffuso, specialmente in Italia, ma forse la domanda che vi state ponendo è: «perché parlarne ora? I riscaldamenti non sono necessari». Siamo fuori stagione è vero, però proprio questo fattore rende più appetibile l’acquisto del combustibile in oggetto: l’inverno e il freddo torneranno ed è bene farsi trovare pronti con una scorta di pellet. Tanto meglio se acquistato a prezzo ridotto. In sostanza comprando il pellet fuori stagione è possibile risparmiare: attenzione però, perché non tutti i rivenditori effettuano la vendita nel periodo pre-stagionale.

Comprare il pellet prestagionale conviene

Questa operazione risponde alla classica legge del mercato: la domanda diminuisce, rallenta, e di conseguenza anche il prezzo fa lo stesso, per poi tornare ad alzarsi quando il consumo di pellet salirà vertiginosamente (e la disponibilità sarà minore). Si tratta dei tradizionali rincari stagionali, per un prodotto che risente molto del periodo in cui viene acquistato. Ecco perché parlare ora dell’acquisto del pellet ha senso: i prezzi sono più bassi rispetto ai mesi in cui si accendono le stufe e gli impianti di riscaldamento.
Per garantirsi un risparmio «tangibile» è bene dunque ragionare in termini di bancali anziché di sacchetti. Acquistando di più ora il vantaggio sarà maggiore.

Continua la lettura di Comprare il pellet prestagionale conviene su Eco di Biella.

]]>
Controllare l’impianto di riscaldamento in primavera http://ecodibiella.it/casa/controllare-limpianto-di-riscaldamento-in-primavera/ Fri, 18 May 2018 19:49:02 +0000 http://ecodibiella.it/?p=58586 Controllare l’impianto di riscaldamento in primavera: c’è un perché. Forse il meteo e le temperature medie non sono proprio quello che si aspetta dalla primavera, però una cosa è certa. Gli impianti di riscaldamento sono ormai spenti da tempo in tutte le case. Di conseguenza anche nei nostri pensieri caldaie, stufe e correlati sono andati […]

Continua la lettura di Controllare l’impianto di riscaldamento in primavera su Eco di Biella.

]]>
Controllare l’impianto di riscaldamento in primavera: c’è un perché. Forse il meteo e le temperature medie non sono proprio quello che si aspetta dalla primavera, però una cosa è certa. Gli impianti di riscaldamento sono ormai spenti da tempo in tutte le case. Di conseguenza anche nei nostri pensieri caldaie, stufe e correlati sono andati in pensione: arrivederci ad ottobre o ad autunno inoltrato, quando ritornerà necessario il loro utilizzo. Tuttavia è importante non perdere completamente di vista il proprio sistema di riscaldamento. Questo periodo, in cui è spento, può diventare fondamentale per migliorarne l’efficienza, per valutarlo e per intervenire se opportuno. In questo modo si limitano problemi maggiori: che fareste in caso di un guasto alla caldaia durante i mesi invernali? Rimanere al freddo non è certo una delle nostre aspirazioni quotidiane.

Controllare l’impianto di riscaldamento, questione di portafogli

Se siete meno fatalisti si può invece girare la questione sul portafogli: l’impianto domestico grava infatti sul costo della bolletta. Se è efficiente e perfettamente operativo si potrà certamente risparmiare e persino limitare le emissioni inquinanti, andando a generare un guadagno dal punto di vista «green». Quali sono dunque i ragionamenti da fare? In primis una domanda che ci si può porre è: «Sarà il momento giusto di cambiare impianto?». Se la risposta è sì scacciate le esitazioni, magari legate all’esborso per la sostituzione: cambiando per esempio una caldaia a gas con una a condensazione è possibile recuperare il calore disperso dal sistema tradizionale. Ecco dunque un risparmio della spesa, che con il passare del tempo può andare ad ammortizzare o addirittura ad assorbire l’investimento.

Le alternative

Lo stesso discorso si può fare anche utilizzando un sistema di riscaldamento a pannelli radianti. Ci sono poi tante altre valutazioni che è bene fare in questo periodo: un eventuale cambio nel vostro sistema è bene che sia fatto in primavera. Per esempio si può pensare alla possibilità di generare energia: tradotto significa integrare al vostro riscaldamento un impianto solare termico. Poi ci sono le pompe di calore, alternativa più che valida ai combustibili. E poi ancora ci sono i sistemi ibridi, in cui la caldaia a gas convive con la pompa di calore o la stufa a pellet. Potremmo continuare all’infinito.

Check Your Heating

Per un discorso completo va anche citata la «Check Your Heating», lanciata da LabelPackA+ (progetto coordinato da Solar Heat Europe che si svolge nell’ambito di Horizon 2020, il programma dell’Unione Europea per la ricerca e l’innovazione): si tratta di una campagna che mira ad aumentare la conoscenza dell’etichettatura energetica per i sistemi di riscaldamento, fornendo le informazioni necessarie ai consumatori e agli installatori. Fra i suoi obiettivi c’è quello di promuovere controlli preventivi che permettano di verificare se l’impianto installato sia in buono stato di salute. E quindi di intervenire quando ci sono condizioni favorevoli, disponendo del tempo necessario. In questo modo si cerca di aiutare i consumatori a trarre il massimo vantaggio dall’etichettatura energetica, compiendo scelte più efficienti.

Continua la lettura di Controllare l’impianto di riscaldamento in primavera su Eco di Biella.

]]>
Plantari su misura per vivere meglio http://ecodibiella.it/salute/plantari-su-misura-per-vivere-meglio/ Fri, 18 May 2018 19:41:08 +0000 http://ecodibiella.it/?p=58583 Plantari su misura, ci aiutano a vivere meglio. Qualcuno ha detto che non pensiamo mai ai nostri piedi, forse perché sono troppo lontani dalla nostra testa . E’ vero questo, come è vero che quando ci pensiamo non è certo con amore. Siamo pronti a lamentarci quando ci fanno male, ma un po’ meno a […]

Continua la lettura di Plantari su misura per vivere meglio su Eco di Biella.

]]>
Plantari su misura, ci aiutano a vivere meglio. Qualcuno ha detto che non pensiamo mai ai nostri piedi, forse perché sono troppo lontani dalla nostra testa . E’ vero questo, come è vero che quando ci pensiamo non è certo con amore. Siamo pronti a lamentarci quando ci fanno male, ma un po’ meno a chiederci se li abbiamo trattati come si meritano. E poi non si dice, forse alle volte, ragionare con i piedi? Questo ci dà la misura di in quale bassa considerazione teniamo le nostre estremità. E’ quindi importante utilizzare al meglio il piede conoscendo il suo ruolo primario nella nostra deambulazione.

Plantari su misura e amplicettori

Oggi i plantari, dedicati a chi ha problemi di piede, e gli amplicettori , dedicati a chi sta bene e vorrebbe continuare su questa strada, sono da considerare strumenti fondamentali per la qualità della vita. Plantari e amplicettori sono uno strumento moderno e facilmente utilizzabile che, nella tecnologia “cad-cam amfit” supervisionata dalla figura del nostro tecnico ortopedico, certamente una garanzia nel settore dei plantari. E’ una nuova tecnologia che permette di realizzare un plantare e un amplicettore che, partendo dal tuo piede, viene realizzato su misura per te.

E quali sono i vantaggi?

I vantaggi sono: la progettazione simulata del plantare prima della sua esecuzione. L’opportunità di comparazione tra l’immagine podalica in carico e quella compensata con l’ortesi plantare. Al termine della scansione del piede i dati raccolti vengono elaborati dal tecnico e inviati alla fresa che, collegata al computer, modellerà il plantare o l’amplicettore su misura. E’ proprio vero: la salute comincia dai piedi!

Continua la lettura di Plantari su misura per vivere meglio su Eco di Biella.

]]>
Caffè verde, bevanda dagli effetti benefici http://ecodibiella.it/salute/caffe-verde-bevanda-benefici/ Fri, 18 May 2018 19:33:59 +0000 http://ecodibiella.it/?p=58579 Caffè verde arabica, una tazzina al mattino per combattere il sovrappeso. Estratta dalle bacche aiuta a bruciare più calorie riducendo il senso di fame durante il giorno. Grazie al caffè verde zuccheri e grassi che si ingeriscono vengono trasformati più rapidamente in energia per i muscoli, mentre i depositi adiposi di grasso sono bruciati più […]

Continua la lettura di Caffè verde, bevanda dagli effetti benefici su Eco di Biella.

]]>
Caffè verde arabica, una tazzina al mattino per combattere il sovrappeso. Estratta dalle bacche aiuta a bruciare più calorie riducendo il senso di fame durante il giorno. Grazie al caffè verde zuccheri e grassi che si ingeriscono vengono trasformati più rapidamente in energia per i muscoli, mentre i depositi adiposi di grasso sono bruciati più rapidamente dal corpo grazie all’azione degli antiossidanti di cui il caffè verde è ricco.

Caffè verde aiuta il dimagrimento

Tecnicamente a essere efficaci sono le molecole naturali del caffè, dotate di azione lipolitica sugli adipociti bianchi ipertrofici del tessuto adiposo. Un’azione molto benefica che però s’instaura solo se la persona riduce il suo apporto energetico giornaliero ed esercita attività motoria aerobica. In caso contrario il fegato interviene e “riempie ” di nuovo gli adipociti, annullando gli effetti salutari della bevanda. Quindi il caffè è un co-adiuvante nel dimagrimento, ma non può da solo risolvere l’eccesso di peso corporeo.

Contiene meno caffeina

Nel caffè, quello verde, è contenuta una dose minore di caffeina rispetto al caffè cotto-tostato il cui assorbimento da parte dell’organismo avviene in modo lento e continuo. Questo meccanismo permette di ottenere una migliore condizione di attenzione, vigilanza e vitalità, rispetto alla tazzina di caffè tradizionale. Il caffè verde crudo è un fitocomplesso dotato di effetti benefici per la salute ed è una bevanda promossa in una sana alimentazione.

Continua la lettura di Caffè verde, bevanda dagli effetti benefici su Eco di Biella.

]]>
La polenta concia e altre specialità della Valsesia http://ecodibiella.it/cucina/la-polenta-concia-specialita-valsesia/ Fri, 18 May 2018 19:23:09 +0000 http://ecodibiella.it/?p=58576 La polenta concia è un must della cucina valsesiana. Questa è composta di piatti sostanziosi, corposi, tipicamente votati al periodo invernale. Ed è impossibile non prendere in considerazione la polenta concia, altra grande protagonista della tavola del territorio. Un piatto tipicamente portato per le basse temperature ma che può essere consumato durante tutto l’anno. La […]

Continua la lettura di La polenta concia e altre specialità della Valsesia su Eco di Biella.

]]>
La polenta concia è un must della cucina valsesiana. Questa è composta di piatti sostanziosi, corposi, tipicamente votati al periodo invernale. Ed è impossibile non prendere in considerazione la polenta concia, altra grande protagonista della tavola del territorio. Un piatto tipicamente portato per le basse temperature ma che può essere consumato durante tutto l’anno.
La sua preparazione è piuttosto semplice: serve una polenta morbida a cui, poco prima della fine della cottura, vadano aggiunti del burro e della toma tagliati a dadini. Il passo è breve: mescolando con vigore si otterrà un’amalgamata sinfonia di sapori in grado di affascinare ciascuno di noi.

La polenta concia e… i capunèt

Il resto è questione di servizio: la polenta concia va portata in tavola fumante, ancora molle e ricoperta dal burro fuso, praticamente annegata. Se volete lasciar in disparte per una volta sua maestà la toma, potrete anche utilizzare fontina, taleggio, bitto, scimudin oppure gorgonzola. Il risultato sarà comunque ottimale. Non è difficile poi trovare i capunèt, altro piatto tipico della tradizione valsesiana. Stiamo parlando di involtini di foglie di invidia (o verza) riempita di un trito di mortadella (oppure si possono usare gli avanzi di carne dei pasti precedenti ), aglio, cipolla e pane ammollato nel latte. A completare il quadro sono burro, brodo e vino bianco. E il dado è tratto.

Le patate masarai

Un ipotetico trittico di piatti tipici valsesiani va in archivio con le patate masarai: servono porri, pancetta, latte e ovviamente patate tagliate a dadini. Dopo il soffritto di porri e pancetta si aggiunge il resto, da far cuocere per un’ora e mezza.

Continua la lettura di La polenta concia e altre specialità della Valsesia su Eco di Biella.

]]>
Toma valsesiana, regina assoluta della tavola http://ecodibiella.it/cucina/toma-valsesiana-regina-tavola/ Fri, 18 May 2018 19:12:48 +0000 http://ecodibiella.it/?p=58573 Toma valsesiana: quando si parla di enogastronomia in Valsesia è difficile non considerarla. Sì, perché la toma valsesiana è il fiore all’occhiello di un intero territorio, il prodotto principe derivante dal latte vaccino appena munto. Impossibile non conoscerla, impossibile non averla mai assaggiata e ancora di più, impossibile non apprezzarla: la toma è la diretta […]

Continua la lettura di Toma valsesiana, regina assoluta della tavola su Eco di Biella.

]]>
Toma valsesiana: quando si parla di enogastronomia in Valsesia è difficile non considerarla. Sì, perché la toma valsesiana è il fiore all’occhiello di un intero territorio, il prodotto principe derivante dal latte vaccino appena munto. Impossibile non conoscerla, impossibile non averla mai assaggiata e ancora di più, impossibile non apprezzarla: la toma è la diretta discendente di una lunga tradizione casearia, giunta fino a noi di generazione in generazione, passata di padre in figlio.

La toma valsesiana e le sue origini

Si tratta di un formaggio che affonda la sua tradizione in antiche origini, prodotto con il latte delle vacche valsesiane, allevate con metodi naturali e poi lavorato secondo quanto tramandato nei secoli dei secoli. Sommando tutte queste caratteristiche si ottiene un formaggio unico, consistente, a pasta compatta, di colore paglierino, in forme il cui peso può variare da 1,5 a 2,5-3 chilogrammi. La stagionatura può variare fra un periodo breve di quindici giorni e uno lungo di due mesi (ma può arrivare anche a dodici mesi): di conseguenza cambiano inevitabilmente le caratteristiche della toma. La crosta per esempio da abbastanza morbida diventa maggiormente dura, rugosa e presenta una colorazione più marcata.

Come si consuma la toma valsesiana?

Altri elementi distintivi della toma sono l’eventuale aromatizzazione con spezie, aglio e peperoncino o un particolare tipo di maturazione. Quest’ultimo è usato per la toma salagnun, lasciata per mesi nel legno. Tendenzialmente la toma valsesiana, dal sapore deciso, si consuma per i fatti suoi, in «purezza» come si dice in gergo. Ma è possibile mangiarla anche con polenta, piuttosto che con gli gnocchi. Oppure a fine pasto combinata con miele e confetture o magari come ingrediente d’eccellenza per un’intensa mantecatura del risotto. L’abbinamento perfetto la vuole accostata a vini rossi giovani se si parla di una toma più fresca, più invecchiati se invece il formaggio è stagionato. Insomma, sulle tavole valsesiane c’è chi troverà sempre un posto di rilievo: la toma non può mancare, prodotto assolutamente tipico di questo territorio. Forse non resta altro che assaggiarne un pezzetto…

Continua la lettura di Toma valsesiana, regina assoluta della tavola su Eco di Biella.

]]>
Torneo degli Enti 2018, le squadre qualificate ai quarti di finale FOTO http://ecodibiella.it/sport/torneo-enti-2018-qualificate-quarti/ http://ecodibiella.it/sport/torneo-enti-2018-qualificate-quarti/#respond Fri, 18 May 2018 12:54:02 +0000 http://ecodibiella.it/?p=58536 Emozioni allo Sportec Center di Gaglianico. Nelle serate di mercoledì 16 e giovedì 17 maggio si è svolto l’ultimo turno di qualificazione Torneo degli Enti 2018- Casa.it, evento sportivo di calcio a 7 patrocinato dallo Csen Biella e dal Comune di Gaglianico. Torneo degli Enti 2018 combattuto Gare accese e squadre fortemente motivate. La posta […]

Continua la lettura di Torneo degli Enti 2018, le squadre qualificate ai quarti di finale FOTO su Eco di Biella.

]]>
Emozioni allo Sportec Center di Gaglianico. Nelle serate di mercoledì 16 e giovedì 17 maggio si è svolto l’ultimo turno di qualificazione Torneo degli Enti 2018- Casa.it, evento sportivo di calcio a 7 patrocinato dallo Csen Biella e dal Comune di Gaglianico.

Torneo degli Enti 2018 combattuto

Gare accese e squadre fortemente motivate. La posta in palio: l’accesso ai quarti della manifestazione sportiva. Mercoledì il Girone C ha emozionato gli spettatori in tribuna con partite a suon di gol: Polizia e Carabinieri si dividono la posta in palio con uno spettacolare 4-4 mentre l’Anc Carabinieri supera col risultato di 8 a 1 Banca Sella. Ieri sera, invece,  la Penitenziaria conquista i tre punti grazie al successo sulla Pro Riva per 2 a 1; nell’altra sfida, valevole per le gerarchie interne del Girone B, Tribunale si impone 8 a 2 sull’Asl.

“Le squadre hanno dimostrato tutto il loro valore in campo e hanno fatto divertire i presenti – afferma Bruno Barone, referente calcio del comitato provinciale Csen- Settimana prossima inizieranno i quarti di finali: forse si potranno intuire e delineare i papabili per la finale”.

Ecco le qualificate ai quarti

Queste le formazioni qualificate: per il Girone A Commercialisti e Machieraldo; per il Girone B Tribunale e Penitenziaria (Pro Riva miglior terza); per il Girone C Banca Sella e Polizia (Anc Carabinieri miglior terza).

Questo il programma dei quarti di finale: martedì 22 maggio Banca Sella-Pro Riva alle 20 e Machieraldo-Penitenziaria alle 21; giovedì 24 Commercialisti-Polizia alle 20.30 e Tribunale- Anc Carabinieri alle 21.30.

Spazio anche alle nuove leve

Infine, sempre ieri sera, giovedì 17 maggio, si sono affrontate le nuove leve (2007 e 2008), che hanno visto vincitori, col punteggio di 5 a 3,Villaggio La Marmora e Gaglianico, rispettivamente su Chiavazzese e Scuola Calcio Torromino.

Continua la lettura di Torneo degli Enti 2018, le squadre qualificate ai quarti di finale FOTO su Eco di Biella.

]]>
http://ecodibiella.it/sport/torneo-enti-2018-qualificate-quarti/feed/ 0
Giardini Zumaglini, ecco 200mila euro http://ecodibiella.it/attualita/giardini-zumaglini-ecco-200mila-euro/ http://ecodibiella.it/attualita/giardini-zumaglini-ecco-200mila-euro/#respond Fri, 18 May 2018 08:47:56 +0000 http://ecodibiella.it/?p=58529 Giardini Zumaglini, ecco 200mila euro per la sistemazione dell’area. Si andrà ad intervenire sul verde e sui monumenti. Giardini Zumaglini, lo stanziamento del Comune Il Comune investe sui giardini Zumaglini. E lo fa pesantemente, impegnando 200mila euro per la manutenzione del verde e del patrimonio monumentale nell’area. Lo ha deliberato la giunta nei giorni scorsi. […]

Continua la lettura di Giardini Zumaglini, ecco 200mila euro su Eco di Biella.

]]>
Giardini Zumaglini, ecco 200mila euro per la sistemazione dell’area. Si andrà ad intervenire sul verde e sui monumenti.

Giardini Zumaglini, lo stanziamento del Comune

Il Comune investe sui giardini Zumaglini. E lo fa pesantemente, impegnando 200mila euro per la manutenzione del verde e del patrimonio monumentale nell’area. Lo ha deliberato la giunta nei giorni scorsi.

Restauro patrimonio monumentale

L’amministrazione comunale intende infatti dar seguito a interventi di restauro del patrimonio monumentale e di recupero conservativo delle aree verdi del primo giardino pubblico della città, inaugurato nel lontano 1876 e intitolato a Zumaglini, molto apprezzato dai biellesi, tando da identificarsi con questo spazio e attribuirgli il termine generico “giardini”.

Per le celebrazioni della Grande Guerra

Viste le celebrazioni del centesimo anniversario della conclusione della Prima Guerra Mondiale, ricadenti proprio quest’anno, l’assessorato ai parchi e giardini, insieme a quello della cultura, hanno ritenuto di accogliere la sollecitazione manifestata dall’Associazione nazionale alpini, Sezione di Biella, affinché si avviasse per tale ricorrenza il restauro del Monumento ai Caduti, opera dello scultore Pietro Canonica, inaugurato il 13 ottobre 1923, collocato nel cuore dell’area verde, costituito da un basamento in sienite e da statue in bronzo raffiguranti un alpino con il mulo, attraverso la valorizzazione dell’aiuola nella quale è inserito e dell’area circostante. Dunque il Comune andrà ad intervenire anche sul verde pubblico, per migliorare la condizione generale degli Zumaglini.

Il recupero dell’area

Il tutto si inserisce nell’intenzione di valorizzare nuovamente l’area. Proprio in questo contesto c’è da considerare anche l’asta pubblica per far tornare a vivere la Capannina, storico locale nel polmone verde della città, che negli ultimi anni aveva ospitato un asilo. A metà giugno si terrà l’asta pubblica per gli operatori del settore della ristorazione che vorranno partecipare al bando pubblico.

Continua la lettura di Giardini Zumaglini, ecco 200mila euro su Eco di Biella.

]]>
http://ecodibiella.it/attualita/giardini-zumaglini-ecco-200mila-euro/feed/ 0
Filiera tessile-moda e accessori in crescita nel 2017 http://ecodibiella.it/economia/filiera-tessile-moda-in-crescita-nel-2017/ http://ecodibiella.it/economia/filiera-tessile-moda-in-crescita-nel-2017/#respond Fri, 18 May 2018 08:10:54 +0000 http://ecodibiella.it/?p=58523 Diffusi i preconsuntivi  di Confindustria Moda sulla filiera tessile-moda e accessori. Il fatturato della filiera tessile-moda e accessorio cresciuto del +3,2% La congiuntura favorevole che ha interessato l’economia mondiale nel 2017 ha coinvolto anche l’industria italiana della filiera  tessile- moda e accessorio. Secondo le stime preliminari elaborate dal Centro Studi di Confindustria Moda, il fatturato […]

Continua la lettura di Filiera tessile-moda e accessori in crescita nel 2017 su Eco di Biella.

]]>
Diffusi i preconsuntivi  di Confindustria Moda sulla filiera tessile-moda e accessori.

Il fatturato della filiera tessile-moda e accessorio cresciuto del +3,2%

La congiuntura favorevole che ha interessato l’economia mondiale nel 2017 ha coinvolto anche l’industria italiana della filiera  tessile- moda e accessorio. Secondo le stime preliminari elaborate dal Centro Studi di Confindustria Moda, il fatturato del settore ha presentato una dinamica di crescita pari al +3,2%. Il settore è composto da calzature, concia, pelletteria, pellicceria, occhialeria, oreficeria-gioielleria e tessile-abbigliamento. La crescita ha portato il fatturato ad approssimarsi ai 94,2 miliardi di euro. I dati sulla filiera tessile-moda e accessorio vanno interpretati come preconsuntivi. Essi sono stati diffusi a Milano, in occasione della cerimonia di inaugurazione della nuova sede di Confndustria Moda.

Per la filiera tessile-moda e accessori corre anche l’export

Nel 2017 la maggior spinta alle industrie della filiera tessile-moda e accessorio è venuta, ancora una volta, dai mercati esteri. L’export ha mediamente messo a segno una crescita pari al +5,2%,. In quewsto modo, esso si è portato a poco meno di 61,8 miliardi di euro. Nel 2017, tra i settori interessati da incrementi a doppia cifra, si segnalano pelletteria, pellicceria ed oreficeria. Meno marcati risultano gli incrementi per gli altri comparti. La crescitaè stata  attorno al +3,5% per calzature e tessile-abbigliamento. Essi coprono rispettivamente il 15% e il 49% dell’export totale. L’aumento è stato, invece, del +2,4% per l’occhialeria.

Anche le importazioni crescono

A crescere, per la filiera tessile-moda e accessorio, nel 2017 sono state anche le importazioni. I flussi in entrata, in virtù di un aumento su base annua del +3,1%, hanno superato i 34 miliardi di euro. Il settore della filiera tessile-moda e accessorio presenta, pertanto, con l’estero un rilevante surplus commerciale. L’anno scorso, infatti, sempre secondo preconsuntivo, esso è risultato pari a 27,7 miliardi di euro. Secondo le elaborazioni del Centro Studi di Confindustria Moda, rispetto al dato 2016, il saldo attivo ha guadagnato oltre 2 miliardi (+7,9%).

Giovanni Orso

 

Continua la lettura di Filiera tessile-moda e accessori in crescita nel 2017 su Eco di Biella.

]]>
http://ecodibiella.it/economia/filiera-tessile-moda-in-crescita-nel-2017/feed/ 0
Biella Jazz Club, inizio settimana da urlo http://ecodibiella.it/eventi-e-cultura/biella-jazz-club-inizio-settimana-da-urlo/ http://ecodibiella.it/eventi-e-cultura/biella-jazz-club-inizio-settimana-da-urlo/#respond Fri, 18 May 2018 07:31:19 +0000 http://ecodibiella.it/?p=58517 Per il Biella Jazz Club e i suoi fedeli appassionati si preannuncia un inizio settimana da urlo con due eventi sul palco di Palazzo Ferrero, programmati nelle sere di lunedì 21 e martedì 22. Biella Jazz Club, inizio settimana da urlo Lunedì 21 maggio al Biella Jazz Club un altro grande concerto per la rassegna […]

Continua la lettura di Biella Jazz Club, inizio settimana da urlo su Eco di Biella.

]]>
Per il Biella Jazz Club e i suoi fedeli appassionati si preannuncia un inizio settimana da urlo con due eventi sul palco di Palazzo Ferrero, programmati nelle sere di lunedì 21 e martedì 22.

Biella Jazz Club, inizio settimana da urlo

Lunedì 21 maggio al Biella Jazz Club un altro grande concerto per la rassegna “Jazz on 52” interamente finanziata dalla Compagnia San Paolo attraverso il bando “Performing Arts”. Dopo il successo di Peter Erskine e dei concerti per il Biella Jazz Festival si apre il palco di Palazzo Ferrero per il saxofonista romano Max Ionata e per l’inglese Dave O’ Higgins , insieme nel progetto “Tenors of Our Time”. Saranno accompagnati da Nicola Angelucci alla batteria e da Luca Mannutza all’organo.

Lunedì con Ionata, O’Higgins, Angelucci e Mannutza

Max Ionata, Classe 1972 (nella foto di Barbara Ferrando),  è considerato uno dei maggiori sassofonisti italiani della scena jazz contemporanea che in pochi anni ha conquistato l’approvazione di critica e pubblico riscuotendo sempre grandi successi in Italia e all’estero. Ha all’attivo la pubblicazione di oltre settanta dischi e collaborazioni con musicisti italiani ed internazionali, risultando uno degli artisti italiani più apprezzati all’estero, in particolare in Giappone dove gode di una notevole fama artistica. Oltre a guidare diversi progetti a proprio nome, collabora stabilmente con alcuni dei migliori musicisti della scena internazionale. Ha suonato nei più importanti jazz club e jazz festivals al mondo e ha collaborato con grandi musicisti tra i quali: Robin Eubanks, Reuben Rogers, Clarence Penn, Lenny White, Billy Hart, Alvin Queen, Joe Locke, Anne Ducros, Steve Grossman, Mike Stern, Bob Mintzer, Bob Franceschini, Hiram Bullock, Joel Frahm, Miles Griffith, Anthony Pinciotti, Jon Cowherd, John Benitez, Dino Piana, Roberto Gatto, Dado Moroni, Stefano Di Battista, Gegè Telesforo, Giovanni Tommaso, Flavio Boltro, Furio Di Castri, Fabrizio Bosso, Enrico Pierannunzi, Mario Biondi, Ornella Vanoni, Sergio Cammariere, Renzo Arbore e molti altri. Si è esibito in Giappone, Cina, Olanda, Inghilterra, Francia, Polonia, Spagna, Portogallo, Serbia, Svizzera, Danimarca, Germania, Emirati Arabi, Kuwait, Perù, Stati Uniti d’America.

Dave O’Higgins è uno dei più blasonati tenoristi inglesi, ha all’attivo moltissime collaborazioni con i grandi nomi del jazz internazionale tra cui spicca la collaborazione con Ray Charles per l’album e il tour “Strong Love Affair” e con Frank Sinatra per il tour inglese del 92 con una settimana intera di spettacoli all’Albert Hall di Londra. Collabora stabilmente con Matt Bianco , anche come autore, e con Jamie Cullum, Kile Eastwood e con la BBC Big Band.

Luca Mannutza è nato a Cagliari il 22.09.1968 si avvicina alla musica giovanissimo grazie al padre che gli impartisce i primi rudimenti musicali e pianistici all’età di soli quattro anni. Nel 1974 inizia privatamente lo studio del pianoforte classico per poi iscriversi nel 1979 al Conservatorio “G.P. da Palestrina” di Cagliari. A tredici anni partecipa al Concorso pianistico Internazionale “Ennio Porrino” aggiudicandosi il terzo posto ex aequo (non verranno assegnati i primi due). Si diploma in pianoforte al Conservatorio di Cagliari diciotto anni, con ottimi risultati. Nel frattempo matura esperienza musicale con vari gruppi di rock progressivo e fusion. Conosce il jazz solo nel 1990 e l’intensità della sua attività musicale jazzistica inizia a crescere a partire dal 1992 quando viene chiamato dal sassofonista argentino Hector Costita con cui collaborerà per tre anni. Nello stesso anno conosce il trombettista newyorkese Andy Gravish che lo recluta per le sue serate in Italia.  Ha collaborato con i migliori musicisti della scena italiana, e non (Jeremy Pelt), ed ha partecipato ai più importanti festival internazionali di jazz tra i quali Umbria Jazz, Jazz Italiano a New York, Parc Floral di Parigi. Attualmente è membro degli High Five (Bosso – Scannapieco 5tt), del Roberto Gatto 4tt, delle Trombe del Re (Boltro – Bosso 5tt), del Fabrizio Bosso 4tt, Ada Montellanico 4tt e Max Ionata 4tt.

Nicola Angelucci è nato il 10 luglio 1979, inizia giovanissimo (in Abruzzo, sua terra d’origine) lo studio della batteria con il batterista e percussionista Alberto Biondi. Si trasferisce a Roma nel 2000 e nella capitale approfondisce gli studi jazzistici con il batterista Lorenzo Tucci e con il pianista Luca Mannutza. Musicista dall’esperienza ormai indiscussa, sideman di molti tra i più interessanti e celebri leader del Jazz, quali Benny Golson (con il quale collabora dal 2004 insieme e grazie al trio del pianista Antonio Ciacca),  Wynton Marsalis, Dee Dee Bridgewater, Steve Grossman, Sonny Fortune, Wess Anderson, Jeremy Pelt, Joel Frahm, Eddie Gomez,  Andy Gravish, Jim Rotondi, Alex Sipiagin, Sam Yahel, Jerry Bergonzi, Aaron Goldberg, Larry Granadier, Peter Bernstein, Dave Kikoski, John Hicks, George Garzone, Joey De Francesco. Vincitore di numerosi awards e scholarship tra cui una borsa di studio presso il prestigioso Columbia College a Chicago nel 2000, vincitore del concorso “Baronissi Jazz” nel 2000 e 2004, del “Gran Prix du Public” al “Tramplin Jazz d’Avignon” nel 2002 e del “26th Hoeilaart Jazz Contest” in Belgio nel 2004. Docente dei seminari di “Orsara Jazz” (FG) nel 2005 e nel 2006 e dell’ Eddie Lang Jazz festival nel 2012,  direttore artistico di “Altino Jazz” (CH) ed endorser per le bacchette Agner. Nonostante la sua giovane età ha al suo attivo circa 60 dischi.

Martedì con il progetto Xtrelement

Il Biella Jazz Club ospita gli Xtrelement

Prosegue per tutto il mese la stagione di concerti 2017/2018 del Biella Jazz Club , martedì 22 maggio alle ore 21,30 dei graditissimi ritorni a Palazzo Ferrero, con il nuovo progetto “Xtrelement”, Germano Zenga al sax, Luigi Bonafede al pianoforte, Marco Vaggi al contrabbasso e Ferdinando Faraò alla batteria.

Il quartetto presenta un repertorio che attingendo dalla radice coltreniana sviluppa poi una sonorità propria ed originale. Momenti di rigorosa tradizione si alternano ad ampi spazi di libertà creativa in un repertorio che comprende brani standard e originali.

Germano Zenga, il sassofonista milanese che vanta collaborazioni importanti con Enrico Rava, Kenny Wheeler, Mario Biondi e Rosalia De Souza.

Luigi Bonafede si è jazzisticamente formato nella seconda metà degli anni settanta al “Capolinea” di Milano, dove ha avuto modo di incontrare i più noti e rappresentativi jazzisti italiani, in particolar modo Larry Nocella, che ha influenzato in maniera determinante la sua vita e la sua carriera. Ha partecipato come leader di propri gruppi ai più Importanti festivais nazionali e internazionali: Umbria jazz, San Remo, Pescara, La Spezia, Alassio, Ciak di Milano, Siena, Grande Parade du Jazz di Nizza, Jazz Jamboree di Varsavia, festival di Dhurarn (North Carolina), Montreaux, Amsterdam, Belgrado, Parigi.

Marco Vaggi ha iniziato l’attività di musicista entrando a far parte del quintetto del batterista Gianni Cazzola. Da allora ha collaborato con alcuni tra i più conosciuti musicisti della scena nazionale e internazionale del jazz. Ha fatto parte di formazioni storiche quali il quintetto di Giorgio Gaslini, il quartetto di Franco Cerri ed Enrico Intra, i gruppi di Claudio Fasoli, Guido Manusardi, Mario Rusca, Tiziana Ghiglioni, Antonio Faraò, Luigi Bonafede, Roberta Gambarini, Mauro Negri, Massimo Urbani, Luca Flores, Tony Arco, le big band Keptorchestra, Lydian Sound Orchestra, Civica Jazz Band, svolgendo un’intensa attività concertistica e di club, suonando in numerosi festival e rassegne in Svizzera, Austria, Germania, Francia, Croazia, Grecia, Romania, Belgio, Finlandia, India e Stati Uniti, partecipando a numerose trasmissioni radiotelevisive e prendendo parte all’incisione di più di trenta CD. Ha suonato con grandi solisti internazionali tra cui John Surman, Steve Lacy, Mal Waldron, Dave Liebman, Jaki Byard, Kenny Wheeler, Charles Tolliver, Franco Ambrosetti, Steve Grossman, Chico Freeman, Lee Konitz, Andrew Hill, Sonny Fortune, Al Cohn, Kay Winding, Curtis Fuller, Albert Mangelsdorff, Jerry Bergonzi, Rachel Gould, Tony Scott, Sal Nistico, Benny Golson. Con Enrico Intra ha preso parte a progetti di improvvisazione e sonorizzazione di film e immagini. Ha pubblicato saggi sulla rivista di musicologia Musica Oggi. Da sempre appassionato alla didattica, ha insegnato nelle scuole di Parma, Dolo e del Centro Jazz di Torino, nei seminari estivi del Thelonious Monk Institute e di Sondrio. Dal 1987 insegna contrabbasso, teoria, musica d’insieme e improvvisazione ai Civici Corsi di Jazz di Milano.

Ferdinando Faraò fa parte di una famiglia di noti jazzisti. E’ fratello del pianista Antonio Faraò e cugino del pianista Massimo Faraò. Inizia la sua attività di jazzista nel 1979 al Capolinea di Milano. Nel corso degli anni seguenti ha modo di incontrare, conoscere e suonare con alcuni tra i più importanti jazzisti tra cui Lee Konitz, Claudio Fasoli, Larry Nocella, Massimo Urbani, Tony Scott, Mal Waldron, Enrico Rava, Paolo Fresu, Gianluigi Trovesi, Tiziana Ghiglioni, Pietro Tonolo, Luigi Bonafede, Franco Cerri, Enrico Intra, Sal Nistico, Maurizio Giammarco, Steve Grossman, Franco Ambrosetti, Franco D’andrea, Bob Mover, Larry Schneider, Charlie Mariano, Steve Swallow, Paul Jeffrey, Ralph Alessi, Bill Smith, Joe Fonda.

 

Continua la lettura di Biella Jazz Club, inizio settimana da urlo su Eco di Biella.

]]>
http://ecodibiella.it/eventi-e-cultura/biella-jazz-club-inizio-settimana-da-urlo/feed/ 0
Biella estate, il programma degli eventi http://ecodibiella.it/attualita/biella-estate-il-programma-degli-eventi/ http://ecodibiella.it/attualita/biella-estate-il-programma-degli-eventi/#respond Thu, 17 May 2018 14:35:33 +0000 http://ecodibiella.it/?p=58513 Biella estate, il programma degli eventi per la stagione estiva. Diversi i personaggi famosi che si esibiranno in città. Questa mattina c’è stata la presentazione. Biella estate, si parte sabato con Nada Si comincia a maggio e si arriva ad autunno già iniziato. Si toccheranno il centro e la periferia, da piazza Duomo fino a […]

Continua la lettura di Biella estate, il programma degli eventi su Eco di Biella.

]]>
Biella estate, il programma degli eventi per la stagione estiva. Diversi i personaggi famosi che si esibiranno in città. Questa mattina c’è stata la presentazione.

Biella estate, si parte sabato con Nada

Si comincia a maggio e si arriva ad autunno già iniziato. Si toccheranno il centro e la periferia, da piazza Duomo fino a Riva e Chiavazza. Si scenderà al Villaggio La Marmora e si salirà fino a Oropa Sport. E ci saranno eventi per tutti i gusti. Dallo sport allo spettacolo, dalle feste all’enogastronomia. Dalla musica dal vivo alla cultura. Il programma del 2018 dell’Estate nel cuore di Biella è stato svelato oggi, giovedì 17 maggio. solo pochi giorni prima dei primi appuntamenti in cartellone. Come il concerto di Nada. O il mercatino dei dischi in vinile di Microsolchi. E i primi spettacoli del festival Teatro Giovani all’Opificiodellarte, in programma nel fine settimana.

Presenti i promotori delle iniziative

Al vernissage sono stati invitati i rappresentanti delle varie realtà che hanno contribuito a rendere ricca per i mesi a venire l’offerta di eventi. alcuni dei quali sono diventati ormai piccole tradizioni. La musica conquisterà una fetta importante dell’attenzione degli appassionati. Grazie al cartellone di Reload, il festival rock che quest’anno offrirà concerti gratis per cinque giorni. Uno in più del 2017, con l’energia dei Lacuna Coil e le voci italiane di Ghemon e Diodato.

Ci sarà anche Rossana Casale

Ma tra i grandi nomi, oltre a Nada che sarà sabato 19 al Sociale Villani, spicca Rossana Casale. Ospite della rassegna del Biella Jazz Club. A proposito di rassegne, non mancherà Musica in piazza. Con le bande della provincia che gireranno le piazze dei quartieri per offrire concerti gratuiti. E si aggiungeranno i festeggiamenti per il quarantesimo compleanno dell’associazione AnniVerdi. «Il cui evento clou a ottobre è fuori elenco solo per motivi di calendario» ha sottolineato Teresa Barresi, assessore alla cultura. È una novità invece la Festa della Musica del 23 giugno. Con concerti a cura delle realtà cittadine tra classica, pop e jazz: «Sarà una giornata in cui le sette note invaderanno le strade del centro, lungo l’asse di via Italia» ha annunciato Teresa Barresi. «È una scommessa in cui hanno creduto tutti coloro che fanno musica in città. Li ringrazio per questo spirito di collaborazione».

Gli altri eventi in programma

Saranno numerosi anche gli appuntamenti di più giorni, come quelli organizzati dall’Ente Manifestazioni di Riva (il primo è il festival degli artisti di strada). O la settimana di BiellaDanza, con gli spettacoli in centro per l’apertura e al Chiostro di San Sebastiano per la chiusura. E piazza del Monte sarà al centro anche dell’appuntamento con sport, musica e solidarietà di Biella for Italy. Bolle di Malto, la rassegna dedicata alle birre artigianali e arricchita dalla musica dal vivo (e per una sera dalle atmosfere salentine della “notte della taranta”), lascia piazza Cisterna per scendere in piazza Martiri. In compenso arriva al Piazzo “Cistaerna”, che nelle intenzioni di Bi Young rimpiazzerà l’appuntamento con Arte e Affini degli anni passati.

I tre poli culturali

Tre saranno i poli culturali che offriranno appuntamenti e mostre per tutta l’estate: Museo del Territorio, Cittadellarte («Con cui per il primo anno abbiamo allacciato una collaborazione» ha sottolineato Teresa Barresi) e il Piazzo che farà sistema con i tre palazzi Gromo Losa, Ferrero e La Marmora. Non solo: per i quattro martedì di luglio la Biblioteca Civica resterà aperta fino alle 23, non solo per ospitare appuntamenti particolari ma anche per accogliere gli appassionati della lettura.

Un occhio anche allo sport

Per gli appassionati di sport ci saranno eventi da guardare e appuntamenti a cui partecipare. E c’è attesa per il ritorno del Rally della Lana, che tornerà a essere una competizione inserita nei calendari nazionali dopo tante stagioni dedicati alla storia e alle auto d’epoca. «Anche in questo caso il calendario è ricchissimo» ha commentato l’assessore allo sport Sergio Leone, «sintomo della grande vivacità delle associazioni del nostro territorio».

Continua la lettura di Biella estate, il programma degli eventi su Eco di Biella.

]]>
http://ecodibiella.it/attualita/biella-estate-il-programma-degli-eventi/feed/ 0
Pro-Am Le Betulle a De Stefani e Reale FOTO http://ecodibiella.it/sport/pro-am-le-betulle-a-de-stefani-e-reale-foto/ http://ecodibiella.it/sport/pro-am-le-betulle-a-de-stefani-e-reale-foto/#respond Thu, 17 May 2018 10:12:33 +0000 http://ecodibiella.it/?p=58503 Pro-Am Le Betulle a De Stefani e Reale. Dominio biellese nella “Pro-Am Le Betulle” (montepremi totale di 9.000 euro) che ha visto in campo ieri al Golf Club Biella oltre 140 giocatori in una bella giornata di golf fortunatamente solo sfiorata da un minaccioso temporale. Pro-Am Le Betulle a De Stefani e Reale Teatro della […]

Continua la lettura di Pro-Am Le Betulle a De Stefani e Reale FOTO su Eco di Biella.

]]>
Pro-Am Le Betulle a De Stefani e Reale. Dominio biellese nella “Pro-Am Le Betulle” (montepremi totale di 9.000 euro) che ha visto in campo ieri al Golf Club Biella oltre 140 giocatori in una bella giornata di golf fortunatamente solo sfiorata da un minaccioso temporale.

Pro-Am Le Betulle a De Stefani e Reale

Teatro della sfida il percorso de Le Betulle (par 73), che si presentava con la “nuova” buca 18, allungata ad inizio stagione di circa 40 metri. Primi a pari merito nella classifica individuale sono stati Corrado De Stefani e Stefano Reale, con quest’ultimo che ha portato al successo il suo team nella classifica del lordo, mentre il fratello Michele si è aggiudicato il netto. Nella classifica a squadre (erano validi i due migliori score su quattro in ogni buca) grande equilibrio con ben 3 squadre a pari merito con il punteggio di 133 tanto che per definire l’ordine dei premiati si è dovuti ricorrere come da regolamento ai migliori score nelle seconde 9 buche. Primi quindi Michele Reale e i suoi compagni Flaminia D’Onofrio, Roberto Abba e Alberto Santagostino che hanno preceduto il team di Corrado De Stefani composto da Giancarlo Ormezzano, Vincenzo Sità e Florindo Bozzo, mentre al 3° posto si sono piazzati il pro Leonardo Motta con Paolo Gubernati, Nicolo Bagna e William Crosa Galant con il risultato di 134. Il lordo, con lo score di 138, come detto è andato a Stefano Reale con Silvia Formenti, Riccardo Ferraresi e Manfredi Manica.

Divertente sfida tra professionisti

Divertente e serrata la sfida dei professionisti che ha visto in campo tutti i migliori pro locali, molti dei quali cresciuti golfisitcamente proprio sui fairway di Magnano, contrapposti a una serie di esperti e competitivi pro azzurri. Alla fine i migliori come detto sono stati De Stefani e Stefano Reale che hanno consegnato una carta totale di 71 colpi (-2). Alle spalle con 72 Michele Reale, seguito con 73 da Paolo Terreni e Giorgio Del Boca. Al 6° posto con 74 il favorito della vigilia Marco Crespi appaiato a Leonardo Motta. Ottavo Marco Guerisoli con 75.
Il prossimo appuntamento con le Pro-Am a Le Betulle è fissato per giovedì 21 giugno con la “Soardo & Associati”.
Roberto Lanza

Continua la lettura di Pro-Am Le Betulle a De Stefani e Reale FOTO su Eco di Biella.

]]>
http://ecodibiella.it/sport/pro-am-le-betulle-a-de-stefani-e-reale-foto/feed/ 0
Funicolare Biella, continuano le prove FOTO http://ecodibiella.it/attualita/funicolare-biella-continuano-le-prove/ http://ecodibiella.it/attualita/funicolare-biella-continuano-le-prove/#respond Thu, 17 May 2018 08:28:52 +0000 http://ecodibiella.it/?p=58495 Funicolare Biella, continuano le prove in vista del collaudo definitivo. L’intenzione è aprire entro la fine di questo mese. Funicolare Biella, giorni di collaudi Mancano ancora alcuni particolari da affinare, prima di “convocare” i tecnici dell’Ustif, l’ente che si occupa dei collaudi definitivi degli impianti a fune e non in Italia. Ieri mattina sono state […]

Continua la lettura di Funicolare Biella, continuano le prove FOTO su Eco di Biella.

]]>
Funicolare Biella, continuano le prove in vista del collaudo definitivo. L’intenzione è aprire entro la fine di questo mese.

Funicolare Biella, giorni di collaudi

Mancano ancora alcuni particolari da affinare, prima di “convocare” i tecnici dell’Ustif, l’ente che si occupa dei collaudi definitivi degli impianti a fune e non in Italia. Ieri mattina sono state effettuate le prime prove a pieno carico della funicolare, o ascensore inclinato che dir si voglia. «Quando si effettuano queste prove – spiega l’assessore ai lavori pubblici Sergio Leone – salta sempre qualche cosa da mettere a punto. L’impresa che sta realizzando l’impianto che collega Biella Piano al Piazzo, sta lavorando alacremente per consegnare nel breve periodo la funicolare completamente funzionante e in massima sicurezza. Non appena le prove verranno terminate la parola passerà all’Ustif per il collaudo definitivo».

Le prove a pieno carico

Ieri mattina la funicolare ha effettuato diverse corse, con persone a bordo, compresi il sindaco Marco Cavicchioli e alcuni dirigenti del Comune di Biella. Impossibile l’inaugurazione per questo fine settimana, ma dal prossimo qualsiasi data diventa buona. Poi Biella avrà di nuovo il suo impianto di collegamento con il Piazzo.

Funicolare Biella

Continua la lettura di Funicolare Biella, continuano le prove FOTO su Eco di Biella.

]]>
http://ecodibiella.it/attualita/funicolare-biella-continuano-le-prove/feed/ 0
Oncologia, Mario Clerico va in pensione http://ecodibiella.it/attualita/oncologia-mario-clerico-va-in-pensione/ http://ecodibiella.it/attualita/oncologia-mario-clerico-va-in-pensione/#respond Thu, 17 May 2018 08:22:47 +0000 http://ecodibiella.it/?p=58492 Oncologia, il dottor Mario Clerico dal prossimo primo di luglio andrà in pensione. La decisione è stata comunicata all’Asl di Biella. Oncologia, Clerico lascerà il dipartimento di Biella L’Asl di Biella perderà a partire dal primo di luglio un altro “pezzo da novanta” per quanto riguarda la sanità. Mario Alberto Clerico, primario di oncologia dell’ospedale […]

Continua la lettura di Oncologia, Mario Clerico va in pensione su Eco di Biella.

]]>
Oncologia, il dottor Mario Clerico dal prossimo primo di luglio andrà in pensione. La decisione è stata comunicata all’Asl di Biella.

Oncologia, Clerico lascerà il dipartimento di Biella

L’Asl di Biella perderà a partire dal primo di luglio un altro “pezzo da novanta” per quanto riguarda la sanità. Mario Alberto Clerico, primario di oncologia dell’ospedale di Biella, andrà infatti in pensione. La sua richiesta di quiescenza è stata accettata nei giorni scorsi dal direttore generale Gianni Bonelli. La notizia era nell’aria, ora è arrivata la conferma.

Chi è Mario Clerico

Mario Clerico nato a Ivrea nel 1955, è l’attuale direttore del dipartimento di oncologia dell’Asl Bi. Negli scorsi mesi, è stato eletto presidente al termine del ventunesimo convegno nazionale di Cipomo (Collegio italiano dei primari oncologi medici ospedalieri). Clerico è stato il fondatore dell’oncologia di Biella, conosciuta in Italia per la sua attenzione ai bisogni di cura degli assistiti. «Sono molto onorato di essere stato nominato presidente del Cipomo – aveva spiegato dopo la nomina – ma anche un po’ preoccupato dai tanti problemi che il nostro collegio sta affrontando in questo momento di grandi cambiamenti. Mi rassicura sapere che siamo un numero relativamente piccolo: 250 direttori di Oncologie da tutta Italia, che si conoscono e si sentono un po’ amici».
Mario Clerico, come capo dipartimento, ha fatto crescere e conoscere in tutta Italia l’oncologia di Biella. Il suo impegno e la sua umanità nei confronti dei malati sono stati un vero e proprio marchio per la sanità biellese. Che, dal primo di luglio, perderà uno dei punti di riferimento sulle malattie oncologiche.

Continua la lettura di Oncologia, Mario Clerico va in pensione su Eco di Biella.

]]>
http://ecodibiella.it/attualita/oncologia-mario-clerico-va-in-pensione/feed/ 0
Dealer Day 2018 Autotorino premiata per “NOPApaer” http://ecodibiella.it/motori/dealer-day-2018-autotorino-premiata-per-nopapaer/ Thu, 17 May 2018 07:51:34 +0000 http://ecodibiella.it/?p=58489 Togliere la carta nella contrattualistica auto non è più una chimera. Con il progetto “Autotorino NOPaper” il Gruppo dealer valtellinese – ora  diffuso in gran parte del nord Italia –  si è aggiudicato il Premio per ’Innovazione Gestionale 2018. L’annuncio e la premiazione sono avvenuti mercoledì 16 maggio a Verona, nell’ambito dell’Automotive Dealer Day, evento di riferimento […]

Continua la lettura di Dealer Day 2018 Autotorino premiata per “NOPApaer” su Eco di Biella.

]]>
Togliere la carta nella contrattualistica auto non è più una chimera.
Con il progetto “Autotorino NOPaper” il Gruppo dealer valtellinese – ora  diffuso in gran parte del nord Italia –  si è aggiudicato il Premio per ’Innovazione Gestionale 2018. L’annuncio e la premiazione sono avvenuti mercoledì 16 maggio a Verona, nell’ambito dell’Automotive Dealer Day, evento di riferimento in Europa per gli operatori della distribuzione
automobilistica.   

Evoluzione continua

“Autotorino NOPaper” rappresenta una tappa importante di un percorso digital in continua evoluzione, dedicato all’efficienza organizzativa e gestionale rivolta al Cliente. E’ la terza volta che Autotorino ottiene il  “Premio per l’Innovazione Gestionale”. La prima volta nel 2009, quindi nel 2013 ed infine nel 2018.

Riconoscimento di qualità

Basilio Natoli – Autotorino – Premio Innovazione Gestionale 2018

Il Premio è stato pensato ed istituito nel 2006 dagli esperti di Quintegia, per individuare il dealer che ogni anno si distingue nell’innovare la gestione della propria azienda, sviluppando adattamenti o cambiamenti radicali della struttura organizzativa, nei modelli di business, negli strumenti di analisi e nella gestione strategica dei processi.

Il progetto “NOPaper” interviene fornendo nuove, più snelle e più sicure modalità operative che si traducono in un miglior servizio al cliente, aumentando la sicurezza dei documenti sia in termini di validità che di conservazione. Inoltre, propone soluzioni innovative, sicure e veloci come la firma grafometrica e consente un accesso immediato, rapido ed autonomo ai documenti archiviati. Infine, migliora la relazione con l’ambiente riducendo l’utilizzo di carta, di toner e di energia elettrica.

Staff al completo

Plinio Vanini – Presidente Autotorino

A ritirare il premio, era presente il presidente Plinio Vanini, il consigliere delegato Stefano Martinalli e Mattia Vanini, accompagnati dal Team Innovazione e Nuovi sviluppi: Simone Mazzoleni, Basilio Natoli, Riccardo De Munari e Gian Maria Rizzalli. 

Questo il commento di Plinio Vanini: “Questo premio è frutto del lavoro di squadra che ha messo in gioco intelligenza, volontà e capacità di tante persone di Autotorino. Ringrazio tutti perché dimostrano come l’attenzione ai dettagli del nostro lavoro possa fare nascere innovazioni a servizio dell’operatività dei nostri collaboratori, finalizzate sempre alla soddisfazione del cliente”.

Stefano Martinalli DG Autotorino

Stefano Martinalli ha aggiunto: “Per rimanere sul mercato in modo competitivo è necessario saper interpretare il bisogno di cambiamento e innovazione che ci viene chiesto ogni giorno. Il progetto “NOpaper” coniuga una efficiente qualità del lavoro con un migliore e più qualificato servizio al cliente”.

Autotorino oggi

Con 36 filiali e oltre 1000 collaboratori, il Gruppo Autotorino è il primo dealer auto in Italia per dimensioni e fatturato. Nel novembre 2017, la IDCP 2017 Guide to Europe’s Biggest Dealer Groups inserisce il Gruppo nel novero dei 50 maggiori Dealer europei, prima realtà Italiana a raggiungere questo risultato. Ad Aprile 2018 Assolombarda, Università Luiss e CERVED assegnano ad Autotorino il Premio Industria Felix, tra le aziende lombarde più performanti. Oggi rappresenta 17 Marchi, opera attraverso una rete di concessionarie ufficiali che si articola su 13 Province in tre Regioni. Nel vasto panorama dei concessionari d’auto, Autotorino si distingue per la scelta di dedicarsi totalmente alle vendite a clienti finali, senza intermediazione alcuna, per fornire un’esperienza d’acquisto di alto profilo. Nel 2017 Autotorino ha fatturato 800 milioni di Euro con un utile netto pari al 2,15%, impiegato 1.056 persone, venduto oltre 39.000 auto, investito 850 mila Euro in formazione e 1,25 milioni di Euro in ricerca e sviluppo di nuovi processi La prima rivendita di Autotorino fu fondata nel 1965 a Morbegno (SO) da Arrigo Vanini, padre dell’attuale presidente Plinio Vanini. Quella piccola realtà familiare si specializzò nella vendita di vetture a privati, acquistate a Torino da intermediari locali. Da qui, appunto, il nome Autotorino. In Valtellina ancor oggi ha sede il centro Direzionale di tutto il Gruppo. Alla fine degli anni 90 venne fatta la scelta di svilupparsi nel mondo dei concessionari d’auto con nuove aperture nei territori limitrofi di Lecco, Como e Bergamo. A questi sono seguiti negli ultimi 7/8 anni gli sviluppi nel resto della Lombardia, in Emilia e in Piemonte.

Continua la lettura di Dealer Day 2018 Autotorino premiata per “NOPApaer” su Eco di Biella.

]]>
Teamvolley verso finale per la B2 FOTO http://ecodibiella.it/sport/teamvolley-verso-finale-per-la-b2-foto/ http://ecodibiella.it/sport/teamvolley-verso-finale-per-la-b2-foto/#respond Thu, 17 May 2018 07:01:09 +0000 http://ecodibiella.it/?p=58454 Novi ko, Teamvolley a un passo dalla finale per la B2. Fotogallery di Corrado Sartini. Bonprix Teamvolley verso finale per la B2 É serata di festa in casa del Bonprix Teamvolley. Le biancoblu di coach Simone Marangio, infatti, con un 3-1 molto più netto di quanto dica i risultato finale, superano a Lessona il Novi […]

Continua la lettura di Teamvolley verso finale per la B2 FOTO su Eco di Biella.

]]>
Novi ko, Teamvolley a un passo dalla finale per la B2. Fotogallery di Corrado Sartini.

Bonprix Teamvolley verso finale per la B2

É serata di festa in casa del Bonprix Teamvolley. Le biancoblu di coach Simone Marangio, infatti, con un 3-1 molto più netto di quanto dica i risultato finale, superano a Lessona il Novi nella seconda giornata dei playoff di serie C portandosi nettamente al comando della classifica. Ma buone notizie sono giunte anche da Almese, dove le padrone di casa sono riuscite a battere Lasalliano solo al quinto set, eliminandosi di fatto dalla corsa per la vittoria del girone (a quota 2 punti il Teamvolley è ormai matematicamente irraggiungibile). Uniche avversarie rimaste alle biellesi per l’accesso alla seconda finale per la B2 sono ormai solamente proprio le Alessandrine di Novi, che però dovrebbero compiere una vera impresa, e sperare in un suicidio delle biancoblu che sabato giocheranno contro un Almese ormai eliminata, per riuscire ad agganciare la vetta e qualificarsi alla fase successiva.

Silvestrini rompe gli equilibri

La cronaca. L’inizio gara è poco entusiasmante, con il Teamvollley che si mantiene avanti sfruttando i tanti errori delle avversarie (9-6) pur senza brillare particolarmente. Novi si mantiene in linea di galleggiamento grazie a un paio di tocchi del nastro fortunati (12-10)  e poi sfrutta un paio di indecisioni delle biancoblu per riportarsi in parità a uova 13. Un ace di Bojanic riporta a due lunghezze il vantaggio del Teamvolley, incrementato ancora dall’attacco di Silvestrini (20-17). La reazione di Novi è immediata e con due ace consecutivi riporta il punteggio in parità (20-20, time out Marangio).  Un errore su un’alzata in emergenza di Margherita Gualinetti consegna a Novi un set ball sul 23-24, che Letizia Gualinetti annulla subito con un bell’attacco. Ci pensa poi Silvestrini a mettere giù i due punti che portano il set sul 26-24 consegnandolo alle biancoblu.

Secondo set più facile per la bonprix

L’inizio del secondo set è equilibrato, con le biellesi che vanno in vantaggio (6-4), poi si fanno sorpassare (6-8) e prima di tornare nuovamente pari (8-8). Lo strappo decisivo arriva a metà set, aiutato anche da un paio di errori delle ospiti; un primo tempo di Zacchi e un punto di Gualinetti portano le squadre sul 16-11 per le biellesi, che allungano ancora grazie a un errore incredibile del libero (che tenta di sorprendere le biellesi mandando la palla al di là della rete con un primo tocco mancando però di un metro il campo) e a un ace di Gualinetti (time out Novi). Le alessandrine non rientrano più in campo dal time out: un errore in attacco di Fracchia chiude il set sul 25-16.

Nel terzo reazione di Novi

Sotto di due set, Novi prova a imbastire una reazione nella terza frazione, che inizia con le alessandrine avanti di 5-8  e poi 6-11 (time out per coach Simone Marangio). Questa volta sono le biancoblu che faticano a ritrovare il ritmo gara, costringendo coach Marangio a usare il suo secondo time out sul 7-13. Le biancoblu commettono troppi errori nei momenti caldi della gara e non riescono a colmare il divario apertosi tra le squadre neanche con gli ingressi di Civra Dano e Daffara in battuta (11-16, poi 14-21). L’impeto delle alessandrine, però, si blocca sul più bello e le biellesi ne approfittano immediatamente riacciuffando un set che sembrava ormai nel congelatore (20-22). Un sanguinoso errore in battuta di Margherita Gualinetti consegna tre palle set a Novi (21-24) che le ospiti chiudono alla prima occasione chiudendo sul 21-25.

Bonprix chiude con un clamoroso 19-0

Nel quarto set è ancora Novi a partire bene, sfruttando gli errori biellesi per scappare sul 0-4. Dopo il time out obbligatorio di coach Marangio, però, le biellesi ritrovano il ritmo giusto; sul 6-7 in battuta si presenta Silvestrini, che non chiuderà mai il suo turno in battuta. Il Teamvolley, infatti, piazza un parziale mostruoso di 10 a 0 che manda in bambola le alessandrine; a nulla serve a coach Astori cercare di fermare il gioco con un time out (16-7). La pausa non ferma le biellesi, in piena trans agonistica, mentre ormai Novi è fuori dal campo mentalmente: tre ace consecutivi di Silvestrini chiudono il parziale di 19-0 che porta alla fine della gara.

Marangio: «Un match molto positivo»

Il dopogara. «Tutto il match è stato molto positivo – racconta al termine coach Simone Marangio – l’unico momento di difficoltà nel terzo set è dovuto al fatto che loro sono state più aggressive mentre noi siamo calate in battuta. Per il resto abbiamo preparato bene la gara e le ragazze l’hanno interpretata alla perfezione, dimostrando anche nel finale di terzo set di crederci fino alla fine mettendo in campo le cose che avevamo preparato durante la settimana. Ora andremo ad Almese più consapevoli, mi aspetto una partita difficile contro una squadra che sa come difendere e come gestire le gare come questa». Molto contenta è anche Lisa Silvestrini, autrice del turno in battuta che ha chiuso il quarto set: «Sono andata in servizio pensando: “Questa la tiro più forte che posso” perchè volevo essere utile alla squadra e sapevo quanto un buon turno ci servisse in quel momento. Quando ho visto che il turno stava andando bene ho continuato a concentrarmi sulle nuove entrate, anche se non mi aspettavo tutti questi ace». Sul terzo set questo è il commento della banda biancoblu: «Noi siamo calate in concentrazione e in campo avevamo delle facce che non erano le nostre; loro, invece, sono state brave a crescere a muro e difesa, fortunatamente ci siamo riprese e abbiamo portato a casa il quarto set. Ora sabato sarà una gara importante, ma vogliamo raggiungere l’obbiettivo».

Mattia Pesce

Continua la lettura di Teamvolley verso finale per la B2 FOTO su Eco di Biella.

]]>
http://ecodibiella.it/sport/teamvolley-verso-finale-per-la-b2-foto/feed/ 0
Droga addosso e in casa, ma il “fatto è tenue”: assolto http://ecodibiella.it/cronaca/58448/ http://ecodibiella.it/cronaca/58448/#respond Thu, 17 May 2018 04:30:40 +0000 http://ecodibiella.it/?p=58448 Droga addosso e in casa, ma il “fatto è tenue”: assolto. La “tenuità del fatto” è stata applicata anche nei confronti di un imputato finito sotto processo per detenzione e spaccio di droga. Una delle prime sentenze Una delle prime sentenze del genere in tribunale a Biella, è stata emessa martedì mattina dal giudice Vincenza […]

Continua la lettura di Droga addosso e in casa, ma il “fatto è tenue”: assolto su Eco di Biella.

]]>
Droga addosso e in casa, ma il “fatto è tenue”: assolto. La “tenuità del fatto” è stata applicata anche nei confronti di un imputato finito sotto processo per detenzione e spaccio di droga.

Una delle prime sentenze

Una delle prime sentenze del genere in tribunale a Biella, è stata emessa martedì mattina dal giudice Vincenza Puglisi nei confronti di un giovane  di 25 anni, di Biella, che il 21 ottobre 2014 era incappato in un controllo di routine delle forze dell’ordine che gli avevano trovato della droga “leggera” sia addosso sia in casa.

Il bilancino? Oggetto diffuso

Come ha fatto notare al giudice il difensore, avvocato Federico Fantoni, il suo cliente non era stato trovato in possesso di denaro che avrebbe potuto dare corpo a un’ipotetica  attività di spaccio. Risulta inoltre incensurato. E’ poi vero che gli era stato trovato in casa un bilancino, «ma tale oggetto – ha ribadito il legale – è uno dei più diffusi in tutte le abitazioni».

Tesi dell’avvocato accolta

Le analisi infine delle due piantine di cannabis indica che le forze dell’ordine avevano trovato a casa del giovane, avevano portato a stabilire che, al più, da quelle foglie si poteva ricavare 1,3 grammi di marijuana corrispondenti a  una sola “dose media drogante”. La tesi del legale è stata accolta e il giovane è stato assolto.

V.Ca.

L’ARTICOLO COMPLETO LO POTETE TROVARE SU ECO DI BIELLA IN EDICOLA OGGI

Continua la lettura di Droga addosso e in casa, ma il “fatto è tenue”: assolto su Eco di Biella.

]]>
http://ecodibiella.it/cronaca/58448/feed/ 0
Foto osé sotto le gonne di due ragazzine http://ecodibiella.it/cronaca/58445/ http://ecodibiella.it/cronaca/58445/#respond Thu, 17 May 2018 04:10:08 +0000 http://ecodibiella.it/?p=58445 Foto osé sotto le gonne di due ragazzine. Si era chinato e si era messo a scattare delle fotografie sotto le gonne di una ragazzina minorenne che stava passeggiando nel centro commerciale Gli Orsi, alle porte di Biella, in compagnia di un’amica, anche lei minorenne. Foto osé sotto le gonne: condannato Accusato di violenza privata,  […]

Continua la lettura di Foto osé sotto le gonne di due ragazzine su Eco di Biella.

]]>
Foto osé sotto le gonne di due ragazzine. Si era chinato e si era messo a scattare delle fotografie sotto le gonne di una ragazzina minorenne che stava passeggiando nel centro commerciale Gli Orsi, alle porte di Biella, in compagnia di un’amica, anche lei minorenne.

Foto osé sotto le gonne: condannato

Accusato di violenza privata,  un uomo di 42 anni di Crevacuore, ha preferito non presentarsi a processo davanti al giudice Eleonora Saccone che lo ha comunque condannato a nove mesi di reclusione con la condizionale. Come difensore era presente l’avvocato Fabio Giannotta. La richiesta di condanna è stata formulata dal Pubblico ministero onorario Elena Lionetti.

I fatti avvenuti in piena estate

I fatti risalgono a due anni fa, in piena estate. Era infatti il 10 agosto quando le due ragazzine, spaventate, si erano rivolte al personale addetto alla sicurezza in quanto – come riporta il capo d’imputazione – «private della loro legittima libertà di autodeterminazione».

V.Ca.

TUTTI I PARTICOLARI LI POTETE TROVARE SU ECO DI BIELLA IN EDICOLA OGGI

Continua la lettura di Foto osé sotto le gonne di due ragazzine su Eco di Biella.

]]>
http://ecodibiella.it/cronaca/58445/feed/ 0
Ladri a mani vuote allo Zanzibar e all’Unes http://ecodibiella.it/cronaca/ladri-a-mani-vuote-allo-zanzibar-e-allunes/ http://ecodibiella.it/cronaca/ladri-a-mani-vuote-allo-zanzibar-e-allunes/#respond Wed, 16 May 2018 18:22:01 +0000 http://ecodibiella.it/?p=58450 Ladri a mani vuote allo Zanzibar e all’Unes. Stavolta i ladri sono stati costretti ad andarsene a mani vuote in due occasioni. Ladri a mani vuote allo Zanzibar In un primo caso, i soliti ignoti hanno provato a forzare una delle porte dello Zanzibar, il noto locale che si affaccia sul lago di Viverone giusto […]

Continua la lettura di Ladri a mani vuote allo Zanzibar e all’Unes su Eco di Biella.

]]>
Ladri a mani vuote allo Zanzibar e all’Unes. Stavolta i ladri sono stati costretti ad andarsene a mani vuote in due occasioni.

Ladri a mani vuote allo Zanzibar

In un primo caso, i soliti ignoti hanno provato a forzare una delle porte dello Zanzibar, il noto locale che si affaccia sul lago di Viverone giusto in fondo alla discesa, di fianco al Marinella. I ladri, disturbati, non sono però riusciti a portare a termine il furto. A informare i carabinieri di Cavaglià di quanto era accaduto, è stato il proprietario, 46 anni, residente a Santhià.

Allarme all’Unes di Masserano

E’ scattato l’allarme ma non è stato rubato nulla nemmeno al supermercato Unes di San Giacomo di Masserano. E’ stato il proprietario, 47 anni, di Gattinara, a informare il 112 che l’altra notte era scattato l’allarme automatico. Il punto vendita, peraltro, era già stato visitato dai ladri e quindi l’attenzione è maggiore.

Arrivate le pattuglie

In breve sono confluite le pattuglie dei carabinieri del Nucleo radiomobile di Cossato, quella di Masserano e quelle della vigilanza notturna della società che si occupa della sicurezza del supermercato. E’ stato effettuato un controllo al perimetro e anche all’interno. Ma non è stato trovato nulla di anomalo.

V.Ca.

Continua la lettura di Ladri a mani vuote allo Zanzibar e all’Unes su Eco di Biella.

]]>
http://ecodibiella.it/cronaca/ladri-a-mani-vuote-allo-zanzibar-e-allunes/feed/ 0
Ripopolati di trote fario gli affluenti dell’Elvo http://ecodibiella.it/attualita/58439/ http://ecodibiella.it/attualita/58439/#respond Wed, 16 May 2018 18:03:05 +0000 http://ecodibiella.it/?p=58439 Ripopolati di trote fario gli affluenti dell’Elvo. Mentre c’è chi continua a inquinare i corsi d’acqua biellesi c’è anche chi, di contro, continua a lavorare per ripopola le stesse acque. Ripopolati di trote gli affluenti Nei giorni scorsi, volontari dell’Arci pesca Fisa e della Fipsas, hanno effettuato delle semine sia di trote fario adulte e […]

Continua la lettura di Ripopolati di trote fario gli affluenti dell’Elvo su Eco di Biella.

]]>
Ripopolati di trote fario gli affluenti dell’Elvo. Mentre c’è chi continua a inquinare i corsi d’acqua biellesi c’è anche chi, di contro, continua a lavorare per ripopola le stesse acque.

Ripopolati di trote gli affluenti

Nei giorni scorsi, volontari dell’Arci pesca Fisa e della Fipsas, hanno effettuato delle semine sia di trote fario adulte e di misura in un tratto dell’Elvo (dalla zona di Occhieppo Superiore dell’Apos al ponte ai confini tra Occhieppo Superiore, Sordevolo e Muzzano) nonché di avannotti della stessa specie lungo parecchi affluenti dello stesso torrente.

Avannotti nell’incubatoio di Sordevolo

I piccoli avannotti allevati nell’incubatoio di Sordevolo grazie ai volontari

Gli avannotti vengono allevati nell’efficiente e funzionale incubatoio di Sordevolo gestito in modo ottimale dalla Fipsas. Alle semine partecipano anche volontari dell’Arci Pesca.

V.Ca.

Continua la lettura di Ripopolati di trote fario gli affluenti dell’Elvo su Eco di Biella.

]]>
http://ecodibiella.it/attualita/58439/feed/ 0
Imprese artigiane biellesi in calo http://ecodibiella.it/economia/imprese-artigiane-biellesi-in-calo/ http://ecodibiella.it/economia/imprese-artigiane-biellesi-in-calo/#respond Wed, 16 May 2018 14:32:18 +0000 http://ecodibiella.it/?p=58433 Per le imprese artigiane biellesi un primo trimestre con tasso di crescita negativo. Biella maglia nera piemontese per crescita di imprese artigiane «Il tessuto artigiano piemontese vive ancora un momento di debolezza e fragilità». Lo afferma Ferruccio Dardanello, presidente di Unioncamere Piemonte. L’occasione è la presentazione dei dati sulla nati-mortalità delle imprese artigiane nel primo […]

Continua la lettura di Imprese artigiane biellesi in calo su Eco di Biella.

]]>
Per le imprese artigiane biellesi un primo trimestre con tasso di crescita negativo.

Biella maglia nera piemontese per crescita di imprese artigiane

«Il tessuto artigiano piemontese vive ancora un momento di debolezza e fragilità». Lo afferma Ferruccio Dardanello, presidente di Unioncamere Piemonte. L’occasione è la presentazione dei dati sulla nati-mortalità delle imprese artigiane nel primo trimestre. Da questi dati emerge che le imprese artigiane biellesi hanno conquistato la maglia nera piemontese. Il loro tasso di crescita, infatti, è stato del -1,53%. Il comparto artigiano piemontese, in linea con quanto avvenuto a livello nazionale, ha subìto una flessione media della propria base imprenditoriale  pari -0,73%.

I settori delle imprese artigiane

L’andamento delle impree artigiane appare negativo per tutti i principali settori. Nel comparto delle costruzioni (che rappresenta il 41,6% delle realtà imprenditoriali artigiane piemontesi), infatti, il tasso di crescita è stato del -1,09%. Gli altri servizi, a cui appartengono circa 1 su 4 delle imprese artigiane piemontesi, registrano la flessione meno intensa (-0,29%). L’industria in senso stretto, con il 22,1% delle imprese artigiane della regione, evidenzia un tasso di variazione pari al -0,74%, in linea con la media regionale. Va peggio il turismo (-0,97%), mentre il commercio e l’agricoltura segnano rispettivamente variazioni negative pari a -0,35% e -0,52%.

La dinamica nei territori

Nei primi tre mesi del 2018, sul territorio piemontese sono nate complessivamente 2.690 imprese artigiane. Al netto delle 3.568 cessazioni (valutate al netto delle cancellazioni d’ufficio), il saldo appare ancora una volta negativo (-878 unità). Lo stock di imprese artigiane complessivamente registrate a fine marzo 2018 presso il Registro imprese delle Camere di commercio piemontesi è pari a 118.472  unità. A livello provinciale, nel I trimestre 2018 le criticità maggiori si riscontrano proprio a Biella (-1,53%), Alessandria (-0,95%) e Verbania (-0,79%). Contrazioni meno intense della media regionale si registrano in tutte le altre province. Il tasso di crescita di Torino si attesta a -0,69%. Vercelli e Cuneo segnano entrambe un -0,67%, mentre a Novara il tasso risulta pari a -0,63%. Il dato meno negativo appartiene alle imprese astigiane (-0,42%).

Giovanni Orso

 

 

Continua la lettura di Imprese artigiane biellesi in calo su Eco di Biella.

]]>
http://ecodibiella.it/economia/imprese-artigiane-biellesi-in-calo/feed/ 0
La Juventus B potrebbe giocare la Serie C allo stadio Pozzo http://ecodibiella.it/sport/la-juventus-b-potrebbe-giocare-la-serie-c-allo-stadio-pozzo/ http://ecodibiella.it/sport/la-juventus-b-potrebbe-giocare-la-serie-c-allo-stadio-pozzo/#respond Wed, 16 May 2018 14:04:23 +0000 http://ecodibiella.it/?p=58419 La Juventus B potrebbe giocare la Serie C allo stadio Pozzo. Una concreta quanto suggestiva ipotesi potrebbe dare un inatteso impulso al movimento del calcio biellese. Dopo il bagno di folla di marzo per l’amichevole dell’Italia U18 con l’Olanda, in occasione del programma collaterale della mostra #calciodeicampioni, ora si sogna ancora calcio vero da ammirare […]

Continua la lettura di La Juventus B potrebbe giocare la Serie C allo stadio Pozzo su Eco di Biella.

]]>
La Juventus B potrebbe giocare la Serie C allo stadio Pozzo. Una concreta quanto suggestiva ipotesi potrebbe dare un inatteso impulso al movimento del calcio biellese. Dopo il bagno di folla di marzo per l’amichevole dell’Italia U18 con l’Olanda, in occasione del programma collaterale della mostra #calciodeicampioni, ora si sogna ancora calcio vero da ammirare con continuità, in attesa che i progetti dell’Asd La Biellese si concretizzino nel futuro prossimo.

La Juventus B potrebbe giocare allo stadio Pozzo

La tremenda delusione sportiva del 2009, quando la dominante Biellese di mister Luca Prina illuse gli appassionati biellesi di poter respirare di nuovo l’aria frizzante della Lega Pro, dopo un campionato stravinto ma poi vanificato dall’implosione societaria, potrebbe improvvisamente trovare giustizia grazie alla rivoluzione appena introdotta dalla Figc con l’istituzione delle seconde squadre dei Club di Serie A.

La riforma della Figc

Si parte subito. Dalla prossima stagione, gradualmente e, in partenza, solo se ci saranno delle mancate iscrizioni al campionato delle aventi diritto, nel torneo di Serie C verranno inserite queste squadre dove far crescere i giovani promettenti in ottica prima squadra. Non saranno squadre fuori classifica, ma potranno ambire alla promozione in B e dovranno evitare la retrocessione in D.

«È una riforma di cui il calcio italiano sentiva l’esigenza per allinearci e per provare a colmare il gap con gli altri movimenti calcistici europei – afferma il vice commissario FIGC Alessandro Costacurta – perché consentirà a tanti giovani calciatori di maturare e far crescere la qualità dei nostri campionati e delle Nazionali azzurre, a partire dall’Under 21».

La Juventus pensa ad Alessandria e Biella

La Juventus è uno dei Club che più ha perorato l’introduzione delle squadre B e ora che ne è stata certificata l’ufficialità sta pianificando l’allestimento del nuovo gruppo.
Ovvio che trovare un campo dove giocare le partite casalinghe sia una delle priorità e l’indiscrezione data dal quotidiano Tuttosport (e che ha trovato conferme dirette, ndr), indica in Alessandria e Biella le sedi alle quali i dirigenti bianconeri sarebbero interessati. La Juventus Primavera ha già giocato delle gare di Youth League ad Alessandria, che sarebbe in realtà la sede preferita, senonchè la presenza di una squadra di Serie C, che mira alla Serie B, potrebbe rivelarsi una complicazione non da poco da gestire, più che da superare tecnicamente, anche a livello di eventuale sostegno del pubblico.

Un’occasione per la città

A Biella, invece, il calcio di livello manca e la Juventus B potrebbe avere un proprio seguito di appassionati locali (non per forza juventini), magari favorendo indirettamente anche gli sforzi dei dirigenti de La Biellese per ritornare più in alto dell’Eccellenza. Ritrovarsi improvvisamente un campionato di Serie C in casa, sarebbe un bel colpo di fortuna anche per il Comune di Biella che vedrebbe impennarsi la percentuale di utilizzo dello stadio Vittorio Pozzo. Certo all’asse milanista formata dal sindaco Cavicchioli e dall’assessore Leone, per una volta, toccherebbe tifare bianconero, considerato che anche le squadre in trasferta contro la Juventus B porterebbero un loro seguito costante. Facile ipotizzare uno stadio addirittura pieno per le sfide con Alessandria e Pro Vercelli, appena retrocessa. Ora non resta che attendere gli sviluppi che tra l’altro vedono la Serie B sul piede di guerra per questa novità non gradita.
Gabriele Pinna

Continua la lettura di La Juventus B potrebbe giocare la Serie C allo stadio Pozzo su Eco di Biella.

]]>
http://ecodibiella.it/sport/la-juventus-b-potrebbe-giocare-la-serie-c-allo-stadio-pozzo/feed/ 0
Teleriscaldamento Biella, al via i lavori http://ecodibiella.it/attualita/teleriscaldamento-biella-al-via-i-lavori/ http://ecodibiella.it/attualita/teleriscaldamento-biella-al-via-i-lavori/#respond Wed, 16 May 2018 13:52:23 +0000 http://ecodibiella.it/?p=58421 Teleriscaldamento Biella, al via i lavori. In questi giorni partono i cantieri. Le tempistiche sono legate alle condizioni meteo. Teleriscaldamento Biella, ecco tutti i cantieri Si amplia la rete del teleriscaldamento nella zona tra centro, Riva e quartiere degli affari. In città arrivano divieti e chiusure parziali di strade per consentire lo svolgimento dei lavori. […]

Continua la lettura di Teleriscaldamento Biella, al via i lavori su Eco di Biella.

]]>
Teleriscaldamento Biella, al via i lavori. In questi giorni partono i cantieri. Le tempistiche sono legate alle condizioni meteo.

Teleriscaldamento Biella, ecco tutti i cantieri

Si amplia la rete del teleriscaldamento nella zona tra centro, Riva e quartiere degli affari. In città arrivano divieti e chiusure parziali di strade per consentire lo svolgimento dei lavori. La prima strada a essere interessata sarà viale Cesare Battisti. Fino alle 18 venerdì 25 maggio la sosta sarà vietata su entrambi i lati della strada limitatamente all’area interessata in quel momento dal cantiere. Lo stesso accadrà in via La Marmora, via Garlanda e via Oberdan, nei tratti fino a via Pietro Micca. Dove però i lavori termineranno una settimana dopo, venerdì 1 giugno.

Chiusa via Belletti Bona

Sarà necessaria invece la chiusura al traffico in via Belletti Bona, in via Mulattera e via Cerino Zegna da lunedì 28 maggio a venerdì 8 giugno e potrebbe comportare qualche disagio il momento, da lunedì 4 giugno, in cui le tubature del teleriscaldamento dovranno attraversare via Pietro Micca, all’altezza di piazza Curiel.

Le asfaltature in primavera

Ma la primavera di interventi sulle strade sta per entrare nel vivo. Come conferma Sergio Leone, assessore ai lavori pubblici. «Nei prossimi giorni verranno consegnati alla ditta appaltatrice i lavori di asfaltatura che verranno effettuati nell’arco dei prossimi due mesi. Il lotto comprende varie strade che interessano numerosi quartieri della città». Si tratta di via Serralunga, di tratti di viale Roma e via per Candelo. Delle rotonde tra via Carso e via Bengasi e del ponte di Chiavazza lato Biella. Di via Brignana, strada Ramella di Sotto, via Ciapeia, strada Antica di Andorno, via Barazza. E le piazze Croce Rossa, Don Penna, Don Gatto e Dell’Aia. Saranno interessate da interventi di rilastricatura e ricubettatura via Amendola e un tratto di via Pietro Micca. «Un secondo lotto per complessivi 400mila euro previsti nel bilancio 2018» aggiunge Leone «verrà deliberato nelle prossime settimane. Per le bitumature da effettuarsi alla fine dell’estate. Chiediamo un po’ di pazienza ai nostri concittadini e agli automobilisti in transito. Abbiamo chiesto alla ditta incaricata di segnalare con quattro giorni di anticipo i lavori sulla tratta interessata. Con la posa dei cartelli prevista e segnaleremo tempestivamente su tutti i canali di informazione a nostra disposizione le singole chiusure, man mano che le ordinanze saranno emesse».

Continua la lettura di Teleriscaldamento Biella, al via i lavori su Eco di Biella.

]]>
http://ecodibiella.it/attualita/teleriscaldamento-biella-al-via-i-lavori/feed/ 0
Carrea: «Sognare si può, ma godendoci il viaggio» http://ecodibiella.it/sport/carrea-tifosi-sognare-si-puo-ma-godendoci-il-viaggio/ http://ecodibiella.it/sport/carrea-tifosi-sognare-si-puo-ma-godendoci-il-viaggio/#respond Wed, 16 May 2018 06:46:20 +0000 http://ecodibiella.it/?p=58413 Il roster che il gm Marco Sambugaro sta già allestendo, si avvia verso una possibile rivoluzione. Il punto fermo sul quale aprire un nuovo ciclo, in casa Eurotrend Pallacanestro Biella è come tradizione l’allenatore. Michele Carrea parla con Eco di Biella di presente e futuro in chiave rossoblù, rivolgendosi espressamente alla città. Coach Carrea, ha […]

Continua la lettura di Carrea: «Sognare si può, ma godendoci il viaggio» su Eco di Biella.

]]>
Il roster che il gm Marco Sambugaro sta già allestendo, si avvia verso una possibile rivoluzione. Il punto fermo sul quale aprire un nuovo ciclo, in casa Eurotrend Pallacanestro Biella è come tradizione l’allenatore. Michele Carrea parla con Eco di Biella di presente e futuro in chiave rossoblù, rivolgendosi espressamente alla città.

Coach Carrea, ha rinnovato la promessa di matrimonio con Pallacanestro Biella in largo anticipo rispetto a tempi che sarebbero stati più che naturali per il mercato allenatori, facendolo alla viglia dei playoff. Cosa le è passato per la mente quando in gara1, al Forum, i vuoti nelle tribune erano evidenti rispetto ai big match di campionato? È una situazione che ha notato?
«Penso che la risposta vada articolata. Riguardo alle presenze di spettatori in gara1 anche l’anno precedente, con Verona, si registrò un calo di pubblico eppure eravamo arrivati primi nel girone, per cui non credo che il dato debba indicare una stanchezza dei nostri tifosi nei confronti della squadra, ma sia legato magari a un insieme di altri fattori concomitanti. Piuttosto penso che Biella abbia la fortuna di avere uno zoccolo duro di tifosi che ci segue sempre e comunque, un patrimonio da tenersi ben stretti. Casale ha festeggiato 2600 spettatori come il segno di attaccamento della città alla squadra, per noi si tratterebbe di un risultato sotto le aspettative».
Tutto vero, ma gara1 di playoff resta pur sempre la partita più importante dell’anno…
«In questo momento probabilmente non riusciamo ancora a coinvolgere il resto della città in un momento particolare come i playoff. Tuttavia penso che Biella abbia di gran lunga il miglior pubblico del girone Ovest, che sa farmi emozionare ogni domenica, ed è il motivo per cui alleno e anche uno dei quali per cui sono rimasto. Hanno salutato il mio rinnovo con uno striscione esposto in Curva Barlera e l’unico pensiero rivlto al pubblico legato a gara1 è stato quello di non aver potuto regalare loro una vittoria e una festa».

Amedeo Tessitori marcato da Niccolò Martinoni di Casale (Sartini)
Amedeo Tessitori marcato da Niccolò Martinoni di Casale (Sartini)

In questo periodo storico del Club, però, non è un segreto che Pallacanestro Biella affronti i playoff senza ambizioni particolari, un po’ peserà sull’attenzione esterna…
«Il sogno è una parte essenziale del gioco. Non andrò mai dai miei ragazzi o in conferenza stampa a dire che non dobbiamo sognare la Serie A. Dopodiché la nostra mission come Club è far capire ai biellesi che è importante anche il vissuto quotidiano, il viaggio, l’orgoglio di avere una squadra che va in giro per l’Italia e nelle ultime stagioni è andata a testa alta ovunque, facendo fare bella figura alla città. Sta a noi trovare il modo di coinvolgere nuovi tifosi, oltre a quelli che già ci sostengono sempre e comunque».
La prossima stagione chi vincerà il girone Ovest verrà promosso in A: problema playoff risolto? Si può sognare a maggior ragione?
«Sognare sempre, ma ben sapendo che questa prospettiva nuova produrrà uno sforzo aggiuntivo da parte di molti Club, per cui sarà più difficile competere in alto e anche più difficile salvarsi, il livello competitivo salirà. La questione è ben presente allo staff tecnico e anche ai soci del Club. Come sempre, cercheremo di fare il meglio possibile con le preziose risorse messe a disposizione. Per quanto mi riguarda, è importante fissare con onestà l’asticella delle aspettative, che non potranno essere le stesse di chi punterà alla Serie A. Una volta fissato con equità il nostro livello, sapremo quando saremo stati molto bravi o quando dovremo accettare le critiche. Poi a basket si gioca 5 contro 5 e gli ultimi campionati dicono che in stagione regolare i nostri roster, composti da sette giocatori e… mezzo, riescono a produrre prestazioni competitive, rispetto ai playoff. Ma la questione fondamentale è un’altra e non mi stancherò mai di ripeterlo».
Ovvero?
«La città deve godere del percorso che Pallacanestro Biella fa ogni stagione, affezionarsi alla squadra indipendentemente dall’obiettivo, nonostante il passato in A di Biella sia stato importante. Con sacrificio soci, sponsor e pubblico ci sostengono e questo va apprezzato a prescindere. Ma pensate alla storia di Siena fuori dai playoff come la Virtus Roma o come Reggio Calabria… A Biella dobbiamo essere orgogliosi di quello che riusciamo a fare ogni anno».

Eurotrend sconfitta a Roma (Virtus Roma)
Time out Eurotrend Pallacanestro Biella

Radio mercato riferiva del corteggiamento di altri Club, perché ha scelto di restare altri due anni all’Eurotrend?
«Non sono il tipo di tecnico che cambia squadra per 5mila euro di stipendio in più o per la garanzia di un portafoglio giocatori più alto da investire sul mercato. Io sono profondamente riconoscente a chi ha creduto in me e a chi mi paga lo stipendio, dopodiché faccio questo lavoro e la possibilità di allenare altrove esiste. Ma ho sempre pensato che per andare via da qui, dove sono apprezzato e ben voluto da molti, dovesse presentarsi un’opportunità di cambiamento davvero importante. A gennaio ho parlato con due Club interessati a me, ma ho ritenuto che Biella rimanesse ancora l’opzione migliore per molti motivi».
Uno importante tra i motivi suddetti?
«Uno a cui tengo molto è che con Marco Sambugaro c’è perfetta sintonia sugli obiettivi e sulle strategie, in più lui è uno di quei general manager che credono sia giusto costruire la squadra insieme all’allenatore, metodo che dovrebbe essere la regola ma non lo è. In virtù di questo, accorciare i tempi per iniziare a pensare alla squadra che verrà era la mossa giusta da fare e sono felice che me ne sia stata data l’opportunità».
Veniamo alla stagione appena conclusa, in che misura il vostro progetto tecnico si è compiuto?
«In nome del duplice obiettivo di raggiungere la Final Eight di Coppa e la qualificazione ai playoff, penso che abbiamo sacrificato parte del lavoro che sarebbe stato necessario fare per correggere da subito i nostri difetti nei finali di partita o più in generale nei momenti di difficoltà in campo, quando spesso non siamo riusciti a condividere nel modo giusto le responsabilità tra giocatori. I palloni decisivi finivano per essere nelle mani degli americani che dovevano forzare la giocata invece di provare a costruire un vantaggio coinvolgendo la squadra. A questo difetto si è comunque sopperito vincendo molte partite, pur con qualche pausa. Quando poi l’asticella si è alzata nel finale di stagione questa debolezza di squadra è stata messa a nudo dagli avversari».
Montegranaro si poteva battere?
«Hanno vinto loro e con merito. È giusto però rilevare che il loro roster è di ben altro spessore rispetto al nostro. In panchina, ad esempio, ci sono giocatori con un vissuto cestistico più rilevante di quello dei nostri giovani e questo alla fine conta, soprattutto quando le partite diventano importanti e ravvicinate come nei playoff».
Si chiude l’era biellese di Ferguson, di questa squadra chi rimarrà?
«Siamo convinti che si sia chiuso un ciclo e la squadra va quindi ricostruita, ma senza per forza di cose rivoluzionarla. A Jazz va il nostro ringraziamento per il suo impegno, la sua professionalità e per quanto ha saputo dare alla squadra e ai tifosi in queste stagioni importanti. Stiamo parlando con Amedeo Tessitori, la sua riconferma produrrebbe determinate scelte in materia di americani, così come una sua partenza. Siamo aperti a diverse soluzioni, ma l’elemento cardine italiano ci piacerebbe fosse lui. Poi valuteremo tutte le posizioni degli altri giocatori in roster quest’anno ed anche quella di Massone che ha fatto una buona stagione a Jesi e potrebbe darci un buon contributo. Stipendi e caratteristiche dei singoli dovranno incastrarsi nella nostra idea di roster, dove certamente ci sarà Wheatle che è già sotto contratto. Come sempre, non comandiamo noi il mercato per cui dovremo valutare le opportunità, ben sapendo che dovremo anche fare delle scommesse, rischiando un po’. Anche la questione giovani va analizzata bene, nell’interesse dei ragazzi e della prossima squadra».

Jazzmarr Ferguson
Jazzmarr Ferguson

L’esempio di Cagliari affiliata a Sassari pare abbia aperto la via alla sperimentazione delle squadre satellite tra A1 e A2 con interscambio di giocatori giovani. Presto la casistica dovrebbe essere normata. Che ne pensa?
«Credo che l’esperimento fatto in Sardegna sia stato positivo, anche se nel tipico campanilismo italiano vedo un ostacolo non da poco affinché si possa realizzare su larga scala. L’esperimento in Sardegna ha una sua valenza particolare proprio per l’unità del popolo sardo. Venendo al concreto a noi, credo che Biella ambisca legittimamente ad andare in Serie A con le proprie forze, magari mettendoci dieci anni, piuttosto che fare da società satellite a un big come Milano. Per chi invece fatica ad avere un seguito importante, potrebbe essere una buona soluzione. Credo anche che negli ultimi anni dalla Lnp siano saliti al piano superiore diversi giocatori, per cui il processo è già in atto e in linea alla mission di questa lega».
Favorita alla vittoria playoff?
«Non indovino mai… ma credo che al basket italiano farebbe bene che fosse una tra Trieste, Treviso e Bologna, grandi piazze assolutamente da recuperare in Serie A».
Gabriele Pinna

 

Continua la lettura di Carrea: «Sognare si può, ma godendoci il viaggio» su Eco di Biella.

]]>
http://ecodibiella.it/sport/carrea-tifosi-sognare-si-puo-ma-godendoci-il-viaggio/feed/ 0
Le lettere di Gualino acquisite dalla Biblioteca di Biella http://ecodibiella.it/eventi-e-cultura/le-lettere-di-gualino-acquisite-dalla-biblioteca-di-biella/ http://ecodibiella.it/eventi-e-cultura/le-lettere-di-gualino-acquisite-dalla-biblioteca-di-biella/#respond Tue, 15 May 2018 15:00:12 +0000 http://ecodibiella.it/?p=58385 Le lettere di Riccardo Gualino al suo uomo di fiducia Guido Gatti quand’era al confino a Lipari e a cava dei Tirreni diventano patrimonio della Biblioteca civica di Biella.  Un centinaio di documenti, datati dal 1919, compresi disegni e planimetrie inediti della villa di Torino e del castello di Sestri Levante e il manoscritto originale […]

Continua la lettura di Le lettere di Gualino acquisite dalla Biblioteca di Biella su Eco di Biella.

]]>
Le lettere di Riccardo Gualino al suo uomo di fiducia Guido Gatti quand’era al confino a Lipari e a cava dei Tirreni diventano patrimonio della Biblioteca civica di Biella.  Un centinaio di documenti, datati dal 1919, compresi disegni e planimetrie inediti della villa di Torino e del castello di Sestri Levante e il manoscritto originale di “Tim e Tom”, che hanno al centro la figura dell’imprenditore, finanziarie e mecenate d’arte Gualino di origine biellese, saranno consegnate domani alle 11,30 alla Biblioteca Civica di Biella, dopo l’acquisizione da parte del Comune, grazie all’intervento di un filantropo biellese.

Il costo del fondo Gualino è stato di 5mila euro

L’acquisto dei documenti di Riccardo Gualino, preziose testimonianze dell’attività dell’imprenditore appassionato di arte nato in città nel 1879, è stato reso possibile grazie ai 3.500 euro investiti da un anonimo donatore, che si è impegnato nell’acquisto a patto che il patrimonio fosse messo a disposizione della collettività. Il Comune ha aggiunto i 1.500 euro che mancavano per raggiungere il prezzo stabilito dal collezionista e il materiale ora è a disposizione di ricercatori e studiosi, con la possibilità di darne accesso alle università.

Gualino fu vicepresidente Fiat e patron di Casorati

Riccardo Gualino è stato una figura centrale nel mondo dell’impresa italiana: nato a Biella, ma cittadino del mondo (una delle sue prime attività fu il commercio di legnami con la Romania), fu vicepresidente della Fiat, fondatore della Snia, azienda pioniera nella creazione di fibre tessili sintetiche, e della Venchi, marchio ancora oggi presente tra i produttori italiani di cioccolato. Il mondo dell’arte gli deve molto: sostenitore di Felice Casorati e del gruppo dei “Sei di Torino”, produttore cinematografico e fondatore della Lux Film, proprietario del teatro di Torino, grande amico dello scrittore, sceneggiatore e regista Mario Soldati. La collezione Gualino, che raccoglie le opere d’arte che acquistò in vita, venne da lui stesso donata alla Galleria Sabauda di Torino. La Venere attribuita alla bottega di Botticelli è stata ospite del Museo del Territorio nel 2014, quando la Sabauda era chiusa per ristrutturazione.

 

Continua la lettura di Le lettere di Gualino acquisite dalla Biblioteca di Biella su Eco di Biella.

]]>
http://ecodibiella.it/eventi-e-cultura/le-lettere-di-gualino-acquisite-dalla-biblioteca-di-biella/feed/ 0
Confindustria Moda inaugura la sede a Milano http://ecodibiella.it/altro/confindustria-moda-inaugura-la-sede-a-milano/ http://ecodibiella.it/altro/confindustria-moda-inaugura-la-sede-a-milano/#respond Tue, 15 May 2018 13:30:12 +0000 http://ecodibiella.it/?p=58390 Confindustria Moda ha inaugurato stamane la sede della nuova federazione della moda, tessile e accessorio a Milano nei nuovi locali di via Villasanta 3 in zona corso Sempione. “Sono momenti storici per il made in Italy”, ha detto Claudio Marenzi, presidente dell’associazione di categoria di Confindustria che ha riunito operativamente da gennaio quattro federazioni tra cui […]

Continua la lettura di Confindustria Moda inaugura la sede a Milano su Eco di Biella.

]]>
Confindustria Moda ha inaugurato stamane la sede della nuova federazione della moda, tessile e accessorio a Milano nei nuovi locali di via Villasanta 3 in zona corso Sempione. “Sono momenti storici per il made in Italy”, ha detto Claudio Marenzi, presidente dell’associazione di categoria di Confindustria che ha riunito operativamente da gennaio quattro federazioni tra cui Sistema Moda Italia (Smi) e Federazione Italiana Accessorio Moda Persona (Fiamp).  L’associazione del tessile-moda-accessori  rappresenta circa 67mila aziende del made in Italy (diverse centinaia biellesi) per un totale di 581mila addetti.

Confindustria Moda: fatturato a 94,2 miliardi, +3,2% sul 2017

Nella occasione dell’inaugurazione di Confindustria Moda il centro studi ha elaborato i dati relativi al settore tessile, moda e accessorio nel 2017. Secondo le sue stime preliminari, il fatturato del comparto (che riunisce calzature, concia, pelletteria, pellicceria, occhialeria, oreficeria-gioielleria e tessile-abbigliamento) rispetto al 2017 è cresciuto del 3,2% a 94,2 miliardi di euro.

Continua la lettura di Confindustria Moda inaugura la sede a Milano su Eco di Biella.

]]>
http://ecodibiella.it/altro/confindustria-moda-inaugura-la-sede-a-milano/feed/ 0