Giarnate Fai anche a Biella. In occasione della 26ª edizione delle “Giornate Fai di Primavera” sabato e domenica la delegazione Fai di Biella, con il supporto del Gruppo Fai Giovani Biella, propone due itinerari che si snodano tra Biella e Trivero, tra le ville Rivetti e gli archivi tessili con visite ed  esplorazioni dell’identità della terra biellese, attraverso storie di imprenditori di ieri e di oggi.

Giornate Fai: due ville in Riva a Biella

Interno di un’altra villa Rivetti, quella del Fondo Tempia

In città si potranno visitare due delle quattro ville della famiglia Rivetti, commissionate a diversi progettisti nei primi anni del Novecento.
Si tratta della villa di Guido Rivetti (via Malta, 3) e della villa di Eugenio Rivetti (via Galilei, 45). La prima è oggi sede della Fondazione Edo ed Elvo Tempia; la visita è aperta a tutti (sabato e domenica dalle 10 alle 18) ed è inoltre prevista una visita aggiuntiva, per i soli iscritti al Fai, con prenotazione obbligatoria sul portale www.faiprenotazioni.it (è possibile anche associarsi), ai laboratori di Genomica, accompagnati dagli scienziati del Fondo. La seconda, la villa di Eugenio Rivetti, progettata da Michele Frapolli, è stata realizzata tra il 1929 e il 1930. Nella parte inferiore, che in passato ospitava una grande sala dei biliardi, ora ha sede la Galleria d’arte contemporanea Silvy Bassanese, la cui visita sarà aperta a tutti (sabato e domenica 10-13 e 15-18); per i soli iscritti al Fai è inoltre prevista una visita aggiuntiva alla parte privata della villa, con prenotazione obbligatoria sul portale www.faiprenotazioni.it.

Leggi anche:  Primario ginecologia, è Stefano Uccella

Giornate Fai da Zegna e Vitale Barberis Canonico

Archivi Vitale Barberis Canonico

A Trivero il percorso “Lavorazione della lana, tra archivi tessili, produzione e rappresentazione” vedrà come protagonisti la Sala quadri di Casa Zegna, con i dipinti di Ettore Olivero Pistoletto (1898-1982) – con possibilità di visite guidate al lanificio, oltre a laboratori didattici per i bambini – e i 2.500 volumi che compongono l’archivio del Lanificio Vitale Barberis Canonico di Pratrivero.

Casa Zegna, la veranda affrescata con le opere di Pistoletto padre

Uno spettacolo itinerante sul sarto Smith e il suo campionario

Qui Teatrando poterà in scena lo spettacolo teatrale (nato dalla collaborazione con l’archivista Danilo Craveia) “London 1866, ovvero il campionario del sarto Smith”; partenza a gruppi ogni trenta minuti, sabato dalle 13.30 alle 17.30 e domenica dalle 11 alle 17.30. Per assistere allo spettacolo teatrale itinerante, aperto a iscritti e non iscritti al Fai, è necessaria la prenotazione con registrazione sul portale www.faiprenotazioni.it.
Gli ingressi sono con contributo interamente devoluto alle attività istituzionali del Fondo Ambiente Italiano.
Nell’ambito delle “Giornate Fai di Primavera” saranno oltre cento gli studenti delle scuole superiori biellesi coinvolti, come di consueto, in qualità di Apprendisti Ciceroni. Per informazioni, consultare il sito www.giornatefai.it o scrivere a biella@delegazionefai.fondoambiente.it.