Morto in casa, è stato trovato dopo 20 giorni grazie all’allarme lanciato dagli amici, preoccupati perché da settimane non riuscivano a contattarlo.

Morto in casa

La vittima è Giorgio Di Procopio, 65 anni, residente in via Martiri della Libertà a Cossato. E’ morto per cause naturali, stroncato probabilmente da un malore dovuto ai problemi di cuore di cui soffriva da tempo.

L’allarme

Da una ventina di giorni gli amici più cari dell’uomo non avevano sue notizie. Giorgio Di Procopio non rispondeva né al telefono, né al citofono. E da casa sua usciva un forte odore sgradevole.

Gli amici hanno così deciso di contattare le forzed ell’ordine. Quando i carabinieri e i Vigili del fuoco hanno fatto irruzione nell’abitazione dell’uomo lo hanno trovato esanime. La morte di Giorgio Di Procopio risaliva a diversi giorni prima: complice il clima caldo e umido, il suo cadavere era in avanzato stato di decomposizione.

Lutto

Giorgio Di Procopio non ha parenti nel Biellese. Per questo, dopo che il medico legale ne ha constatato il decesso, avvenuto per cause naturali, la salma è stata affidata al diacono della chiesa e composta nella cappella comune in attesa della sepoltura.

Leggi anche:  Si ribalta con l'auto: era ubriaco

Shama Ciocchetti