Stavolta i bracconieri si sono superati in fantasia. Hanno addirittura piazzato una rete per catturare le trote nel Cervo, in territorio di Rosazza, in un tratto della riserva di pesca dell’associazione sportiva dilettantistica Alta Valle Cervo, istituita tre anni fa con l’obiettivo di attirare appassionati pescatori e turisti in paesi quali Campiglia, Rosazza e Piedicavallo.
La rete è stata scoperta grazie alla segnalazione di un residente ed è stata recuperata direttamente dal presidente dell’associazione, Luigi Oneto, che è tra l’altro un guardapesca dell’Arci Pesca Fisa. Si trovava nella grossa lama sotto al ponte che conduce al cimitero di Rosazza ed era stata piazzata in un punto dove non era possibile scorgerla. E’ probabile che si sia in seguito spostata a causa della corrente e sia finita in un punto dove è invece diventata visibile la fila di galleggianti tondi e rossi che tenevano a galla la rete. Tra le maglie sono state imprigionate una decina di trotelle di piccole dimensioni e un paio di grandi dimensioni “seminate” dai responsabili della splendida riserva dell’alta valle.
V.Ca.

Leggi di più sull’Eco di Biella in edicola

Stavolta i bracconieri si sono superati in fantasia. Hanno addirittura piazzato una rete per catturare le trote nel Cervo, in territorio di Rosazza, in un tratto della riserva di pesca dell’associazione sportiva dilettantistica Alta Valle Cervo, istituita tre anni fa con l’obiettivo di attirare appassionati pescatori e turisti in paesi quali Campiglia, Rosazza e Piedicavallo.
La rete è stata scoperta grazie alla segnalazione di un residente ed è stata recuperata direttamente dal presidente dell’associazione, Luigi Oneto, che è tra l’altro un guardapesca dell’Arci Pesca Fisa. Si trovava nella grossa lama sotto al ponte che conduce al cimitero di Rosazza ed era stata piazzata in un punto dove non era possibile scorgerla. E’ probabile che si sia in seguito spostata a causa della corrente e sia finita in un punto dove è invece diventata visibile la fila di galleggianti tondi e rossi che tenevano a galla la rete. Tra le maglie sono state imprigionate una decina di trotelle di piccole dimensioni e un paio di grandi dimensioni “seminate” dai responsabili della splendida riserva dell’alta valle.
V.Ca.

Leggi anche:  Violenta la moglie che lo respinge e finisce sotto processo

Leggi di più sull’Eco di Biella in edicola