Movida blindata a Viverone con le barriere di cemento. La movida di Viverone sarà più blindata che mai quest’anno per evitare che malintenzionati, esaltati o idioti di turno possano rovinare la serata a migliaia di persone che come ogni anno, soprattutto di mercoledì notte, riempiono i locali o la passeggiata sul lungo lago.

Accordo con Prefetto e Questore

Giovedì mattina, il sindaco di Viverone, Renzo Carisio, ha chiesto di poter partecipare al Comitato per l’ordine e la sicurezza pubblica presieduto dal Prefetto Annunziata Gallo, alla presenza del Questore Nicola Alfredo Parisi e degli altri rappresentanti delle forze dell’ordine. In tal modo è stata formalizzata la richiesta per ottenere la presenza come ogni anno di polizia e carabinieri nelle serate della movida e approntare un piano di sicurezza che già lo scorso anno ha funzionato a dovere, con i “buttafuori” dei vari locali che hanno collaborato pienamente con le forze dell’ordine.

Misure particolari

E sono state decise le misure di sicurezza particolari per proteggere un’area ricca di locali che fanno di tutto per attirare clienti, dove si può ballare al ritmo della disco oppure del latinoamericano: un vero cocktail di attrattive in grado di calamitare più di cinquemila persone ogni volta, il vero cuore pulsante del divertimento estivo biellese.

Leggi anche:  Uomo muore a soli 54 anni

Movida blindata con i nuovi new jersey

Il sindaco Carisio ha annunciato che per proteggere le serate clou sulle sponde del lago, ha fatto acquistare come Comune sette new jersey – a un costo tutto sommato contenuto di circa 80 euro l’uno -: robuste barriere in cemento armato in grado di fermare come coltello nel burro anche un’auto lanciata a forte velocità in direzione della folla.

Valter Caneparo

IL SERVIZIO COMPLETO LO TROVATE STAMATTINA SU ECO DI BIELLA IN EDICOLA