Entro la fine del mese di marzo Anas consegnerà il progetto definitivo della Pedemontana piemontese, rivista, corretta e “tagliata”. Rispetto all’idea originale, infatti, il collegamento andrà da Masserano a Ghemme, con tre svincoli lungo il collegamento, a Roasio, a Gattinara e all’innesto con l’autostrada Genova Gravellona Toce all’altezza di Ghemme. Anas, che ha “ereditato” il progetto, sta per concludere l’iter progettuale dopo la proroga che consentirà alla società di arrivare a fine marzo con il definitivo per poi andare al Cipe per la conferma dei fondi stanziati per l’opera.
Nei mesi scorsi il presidente della Regione Sergio Chiamparino aveva scritto al Cipe per comunicare che l’assessorato ai trasporti della Regione Piemonte aveva incluso l’opera nell’elenco inviato al Mit contenente l’individuazione delle priorità di intervento in materia di infrastrutture, impegnandosi a reperire, sulla prossima programmazione dei fondi europei 2014/20120, i 120 milioni per il completamento dell’opera sull’intero collegamento Masserano-Ghemme, da aggiungere agli 80 milioni già finanziati con fondi statali (decreto Sblocca Italia) per la realizzazione del tratto Ghemme-Gattinara. Il passaggio del progetto definitivo garantirà dunque la copertura finanziaria.
E.P.

Leggi anche:  Ruba un telefonino, scoperto grazie a Fb

Entro la fine del mese di marzo Anas consegnerà il progetto definitivo della Pedemontana piemontese, rivista, corretta e “tagliata”. Rispetto all’idea originale, infatti, il collegamento andrà da Masserano a Ghemme, con tre svincoli lungo il collegamento, a Roasio, a Gattinara e all’innesto con l’autostrada Genova Gravellona Toce all’altezza di Ghemme. Anas, che ha “ereditato” il progetto, sta per concludere l’iter progettuale dopo la proroga che consentirà alla società di arrivare a fine marzo con il definitivo per poi andare al Cipe per la conferma dei fondi stanziati per l’opera.
Nei mesi scorsi il presidente della Regione Sergio Chiamparino aveva scritto al Cipe per comunicare che l’assessorato ai trasporti della Regione Piemonte aveva incluso l’opera nell’elenco inviato al Mit contenente l’individuazione delle priorità di intervento in materia di infrastrutture, impegnandosi a reperire, sulla prossima programmazione dei fondi europei 2014/20120, i 120 milioni per il completamento dell’opera sull’intero collegamento Masserano-Ghemme, da aggiungere agli 80 milioni già finanziati con fondi statali (decreto Sblocca Italia) per la realizzazione del tratto Ghemme-Gattinara. Il passaggio del progetto definitivo garantirà dunque la copertura finanziaria.
E.P.